X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

CATANZARO – In due diverse operazioni effettuate a Reggio Calabria e a Melito Porto Salvo, i carabinieri del Nas di Reggio Calabria hanno sequestrato 40 chili di prodotti alimentari privi di tracciabilità. Le stesse operazioni hanno permesso ai militari di scovare un locale adibito a deposito privo di autorizzazione e riscontrare carenze igienico-sanitarie.

Nello specifico, dopo aver ispezionato le cucine di una pizzeria sul lungomare di Reggio Calabria, i carabinieri hanno sequestrato 12 chili di prodotti di rosticceria pronti per la vendita ma privi di qualunque certificazione sull’origine e sull’indicazione relativa agli ingredienti.

Inoltre, in un vano del controsoffitto era stato realizzato un deposito di prodotti per la conservazione e consumazione del cibo privo di autorizzazione. Quanto all’operazione effettuata a Melito di Porto Salvo, a conclusione di un controllo in una rivendita di frutta e verdura, i militari hanno sequestrato oltre 100 confezioni di alimenti, tra prodotti sott’olio e salumi, per un totale di 28 chili, privi di etichettatura e di indicazioni sulla provenienza.

I carabinieri hanno anche accertato carenze igienico-sanitarie sui banchi utilizzati per l’esposizione dei prodotti. I titolari delle attività, oltre ad essere segnalati all’Asp reggina, sono stati sanzionati con 10mila euro di multa, mentre gli alimenti sequestrati verranno distrutti da aziende specializzate.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA