X
<
>

Il Planetario Pythagoras di Reggio Calabria

Tempo di lettura 2 Minuti

Ottime notizie per i ragazzi di Reggio Calabria che partecipano alle olimpiadi Italiane di Astronomia che con grande soddisfazione hanno ottenuto il pass per le finali nazionali.

«In tutto – si legge in una nota – sono 80 i ragazzi ad aver superato le selezioni interregionali delle Olimpiadi Italiane di Astronomia; tra questi 13 reggini che, a buon diritto, parteciperanno alla finale nazionale della competizione. Sui 9.728 partecipanti da tutto il Paese, i finalisti nazionali sono: 25 per la categoria Junior 1 (Scuola secondaria di Primo Grado), 20 per la categoria Junior 2, e 35 per la categoria Senior (Scuola secondaria di Secondo Grado)».

In particolare, avranno accesso all’ultimo step della sfida, per la categoria Junior 1: Anna Artuso e Davide Rosato dell’Istituto Comprensivo Statale “G. Carducci – V. da Feltre – Reggio Calabria, Luigi Caccamo Istituto Comprensivo Statale “F. Sofia – A.N. Contestabile” – Taurianova (RC), Ilenia Trunfio Istituto Comprensivo Statale “San Sperato – Cardeto” – Reggio Calabria e Tushar Vikram Istituto Comprensivo Statale “Pascoli – Alvaro” – Siderno (RC).

Per la categoria Junior 2: Vincenzo Barilla, Silvia Chiacchio e Chiara Luppino del Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci” – Reggio Calabria.

Per la categoria Senior: Vittoria Altomonte Liceo Scientifico Statale “Euclide” – Bova Marina (RC), Pasquale Andreacchio Liceo Scientifico Statale “M. Guerrisi” – Cittanova (RC), Marco Carbone Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci” – Reggio Calabria, Domenico Maisano Liceo Scientifico Statale “E. Fermi” – Bagnara Calabra (RC) e Martina Felicia Ravenda Liceo Classico Statale “T. Campanella” – Reggio Calabria.

«A causa dell’emergenza COVID-19, – fa sapere la dirigenza del Planetario Pythagoras di Reggio Calabria – la Finale Nazionale, prevista per il 21 al 23 aprile a Perugia presso l’Istituto Tecnico Statale “A. Volta”, è stata rimandata a data da destinarsi, ma la Società Astronomica Italiana (SAIt) che organizza e gestisce con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), le Olimpiadi, ha chiesto ai poli nazionali di attivare i corsi di preparazione a distanza».

L’iniziativa «riguarderà anche i finalisti calabresi, che saranno formati dagli esperti del Planetarium Pythagoras Città Metropolitana di Reggio Calabria, polo regionale per le Olimpiadi italiane di Astronomia. Da segnalare che, sul sito istituzionale delle Olimpiadi italiane di Astronomia sono state pubblicate delle dispense utili per la preparazione, e tra queste c’è il “Bignamino dell’Astronomia” un lavoro didattico prodotto dal Planetario reggino».

Questo è «un motivo di orgoglio in più – commenta il responsabile scientifico della struttura Angela Misiano – per una realtà che da sempre forma e contribuisce all’ampliamento del sapere scientifico nella nostra regione. Siamo certi – continua Misiano – che l’esperienza della didattica a distanza sarà occasione utile per approfondire lo studio dell’Astronomia e, anche rispettando tutte le norme previste da questa emergenza, riusciremo a portare a casa tante altre medaglie».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares