X
<
>

Anton Giulio Grande e le sue modelle in piazza San Marco

Tempo di lettura 2 Minuti

COSENZA – Lo stilista Anton Giulio Grande presenta la sua nuova collezione di Alta Moda digital, scegliendo come sempre luoghi di straordinaria bellezza e prestigio. Stavolta è Venezia a fare da sfondo alla sua nuova collezione.

Con il benestare dell’amministrazione comunale e della Biennale, infatti, ha realizzato un video e un servizio fotografico nella straordinaria Piazza San Marco e presso il prestigioso e storico Hotel Danieli sulla Riva degli Schiavoni, ex dimora dei Dogi.

Anton Giulio Grande da sempre legato a Venezia, dove lo scorso settembre è stato uno dei protagonisti sul red carpet del festival del cinema, presentando anche lì una piccola collezione di alta moda, ha deciso di andare a Venezia proprio nel periodo in cui ci sarebbe dovuto essere il Carnevale internazionale con una tradizione che dura da secoli.

Sei bellissime e giovanissime modelle, tutte volutamente venete, hanno indossato sei outfit di Alta Moda, quasi tutti neri, senza sottostare a regole e tendenze, senza tempo nè stagioni con esaltatazione di lusso ed eccentricità allo stato puro.

Unica finalità, quella di rendere eterno e per sempre un abito di Alta Moda. L’ispirazione è Venezia, la Venezia dei dogi, delle repubbliche marinare e delle fusioni col mondo orientale fin dai tempi di Marco Polo. E’ un sabba di abiti con caratteristiche must dello stilista ormai riconoscibilissime, con un tripudio di ricami, pizzi, frange in jais e seta, abbinati a cappe, mantelle, giacchini, coprispalle e cappotti in matelassè trapuntati e ricamati con paillettes fluorescenti, arricchiti da bordi di piume di struzzo e rouches in duchesse.

In una Venezia insolita, senza maschere nè balli opulenti che in passato erano presi d’assalto dai regnanti europei, deserta, solitaria e surreale ma sempre unicamente affascinante, ecco apparire le sei bellissime modelle di Grande sfilare in solitudine tra calli e ponti con il gran finale a Piazza San Marco sfidando acqua alta e temperature gelide, in mise di pizzo, da sempre leit motiv di Anton Giulio Grande che spiega e precisa le origini assolutamente italiane e nello specifico veneziano del pizzo.

Anton Giulio Grande da sempre affascinato dalla storia e dalla cultura di Venezia, trae la sua ispirazione da Burano con la sua tradizione secolare del mondo del merletto.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares