X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

UN’OCCASIONE per valorizzare il patrimonio culturale della nostra regione, al contempo, favorire la crescita dell’offerta turistica grazie alla partecipazione della XXIII edizione della Borsa Mediterranea del turismo archeologico di Paestum (Salerno), che si terrà dal 25 al 28 novembre.

Una vetrina espositiva importante in cui interverranno cento espositori con venti Paesi esteri ai quali si aggiunge la presenza dei vertici di Wto, Unesco, Iccrom. Si tratta dell’unico salone espositivo al mondo dedicato al patrimonio archeologico che rappresenta anche una mostra di tecnologie interattive e virtuali, un’occasione d’incontro per addetti ai lavori e momento di interazione per la cooperazione nel Mediterraneo.

In questa cornice internazionale, dunque, sarà presente anche la nostra Calabria con uno stand espositivo in cui saranno disponibili pubblicazioni e materiale informativo, contenuti multimediali proiettati su supporti digitali e organizzati seminari scientifici.

Inoltre, la Regione sarà protagonista giovedì 25 novembre nella sessione “Archeoincontri” con il tema della “ripresa della ricerca per nuove forme di valorizzazione in Calabria” a cui parteciperanno l’assessore alla cultura, i rappresentanti delle Soprintendenze regionali ed alcuni esperti del settore; venerdì 26 novembre in occasione della Conferenza Mediterranea sul Turismo Archeologico Subacqueo, nel corso della quale sarà presentata ufficialmente la candidatura di certificazione di un Itinerario Culturale Europeo “Mediterranean Underwater Cultural Heritage” (una rete che collegherà Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Egitto, Grecia, Israele e Turchia attraverso i siti di Capo Rizzuto, Baia Sommersa/Parco Sommerso di Gaiola Tremiti, Ustica-Egadi-Pantelleria, Alessandria d’Egitto, di Pavlopetri/Peristera, di Caesarea Maritima, Kızlan), che rappresenta una risorsa chiave per il turismo responsabile e lo sviluppo sostenibile”; mentre sabato 27 novembre saranno presentati “Modelli di gestione tra pubblico e privato per una migliore fruibilità del patrimonio archeologico in Calabria e Sicilia” alla presenza del Sottosegretario di Stato per la Cultura Lucia Borgonzoni.

La presenza alla Borsa di Paestum sarà un modo per presentare un’immagine diversa della Calabria, quella ricca di patrimoni artistici, rappresentante di un turismo culturale e archeologico, oltre che paesaggistico. La partecipazione a questo salone espositivo internazionale rappresenterà un modo per rendere attrattiva la nostra regione, favorendo contatti con altri territori, sostenendo le visite e incentivando tour nella nostra terra, culla della Magna Grecia e di radici millenarie.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA