Tempo di lettura 2 Minuti

VIBO VALENTIA – E’ passato quasi un anno e mezzo dalla sentenza di primo grado del processo relativo all’inchiesta antimafia “Costa pulita”, ma le motivazioni non sono ancora state depositate, ragion per cui cinque condannati con il rito abbreviato sono stati scarcerati per decorrenza del termine massimo di fase in assenza della celebrazione (e quindi pronuncia) del giudizio di appello.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SULL’OPERAZIONE “COSTA PULITA”

Si tratta di un processo (LEGGI LA NOTIZIA SULLE SENTENZE DI PRIMO GRADO) nato dall’operazione contro i clan di Vibo Valentia (LEGGI LA NOTIZIA) condotta nell’aprile del 2016 dalla Dda di Catanzaro e che ha visti coinvolti, oltre all’ex presidente della Provincia di Vibo e all’ex sindaco di Briatico, anche alcuni esponenti della criminalità organizzata calabrese, di cui il Gup Pietro Carè, lo stesso che non ha depositato le motivazioni, ha disposto l’immediata scarcerazione accogliendo l’istanza dei difensori.

A lasciare il carcere sono stati Pasquale Prossomariti, condannato per associazione mafiosa ed estorsione (per lui rimane il divieto di dimora nella provincia di Vibo); Leonardo Melluso, ritenuto il capo dell’omonimo clan, e Giancarlo Lo Iacono, condannato a 8 anni (per entrambi è scattato il divieto di dimora). In libertà (per lui, oltre al divieto di dimora, anche l’obbligo di presentarsi ogni giorno alla polizia giudiziaria) anche Carmine Il Grande, ritenuto il vertice dell’omonimo clan di Parghelia, e Carlo Russo (obbligo di dimora nel comune di Bergamo). Lascia i domiciliari anche Salvatore Muzzopappa. Il processo col rito abbreviato è stato celebrato per 31 imputati, e il termine massimo di custodia cautelare in carcere per tutti scadrà il 31 gennaio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •