Tempo di lettura < 1 minuto

Centinaia di migliaia di euro spesi per l’accoglienza dovuta per gli sbarchi di Vibo Valentia

di GIANLUCA PRESTIA

VIBO VALENTIA – Ben 750mila euro. A tanto ammonta l’impegno di spesa prevista dal Comune capoluogo per la gestione dei migranti sbarcati a Vibo Marina nel periodo che va da giugno 2015 ad oggi sostanzialmente, anche se da alcuni mesi non se ne sono più registrati.

Si tratta di extracomunitari, famiglie e minori stranieri non accompagnati con la gestione di questi ultimi affidata all’ente in attesa di sistemazione definitiva presso Centri di accoglienza.

Una parte è stata dirottata a strutture munite di autorizzazione regionale al funzionamento, al di fuori del Progetto “Sprar” mentre la restante, sempre in attesa di idonea sistemazione, è stata allocati per la prima assistenza in centri di accoglienza temporanei dislocati nell’ambito provinciale che hanno stipulato con il Comune capoluogo un’apposita convenzione con la quale si impegnano all’ospitalità dei minori stranieri non accompagnati con l’onere della liquidazione che, pertanto, ricade su Palazzo Luigi Razza e le spese che sono soggette a rimborso da parte del Ministero dell’Interno per il tramite dell’Ufficio Territoriale di Governo.

Spese di gestione dei profughi, dunque, che, secondo i calcoli del Comune di Vibo, sono state quantificate in 750mila euro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •