X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

È successo a Ostia, in piena notte. Il bimbo, infreddolito, aveva attirato l’attenzione dei carabinieri che lo hanno salvato

ROMA – Ha lasciato il figlio di tre anni chiuso in auto, al gelo della notte, per andare a giocare in una sala slot. E’ accaduto a Ostia, nel quadrante sud di Roma.

L’uomo, un 33enne con precedenti residente a Roma e originario di Vibo Valentia, è stato arrestato dai carabinieri che lo hanno rintracciato, intorno alle 4 di notte, mentre giocava nel locale.

A dare l’allarme il piccolo che aveva molto freddo e ha attirato l’attenzione di una pattuglia dei carabinieri in transito. I militari della compagnia di Ostia hanno indicato al bimbo come aprire la portiera della macchina e hanno contattato il 118, coprendolo con le loro giacche in attesa dell’arrivo dell’ambulanza.

Fortunatamente sta bene ed è stato affidato alla madre.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA