Le armi sequestrate

Tempo di lettura 2 Minuti

VIBO VALENTIA – Una furibonda rissa è avvenuta domenica sera a Briatico in occasione dell’inaugurazione della Chiesa Parrocchiale “San Nicola Vescovo”.

Il bilancio parla di sette persone tratte in arresto dai carabinieri, che stavano svolgendo servizio di ordine pubblico. L’episodio si è verificato dopo le 21,00 proprio nei pressi della piazza antistante la Chiesa, che ha visto protagonisti 2 nuclei familiari: da una parte i coniugi Michele Vacatello e Mariella Villano unitamente al fratello di quest’ultima, e dall’altra i coniugi Simona Campora e Antonio Morello insieme al padre, Rocco Morello e al fratello Giuseppe.

[editor_embed_node type=”photogallery”]85033[/editor_embed_node]

 

In particolare i militari di Briatico e Cessaniti – intervenuti addirittura poche ore prima per sedare un altro principio di rissa tra i contendenti – si sono frapposti fra i due gruppi che in più e diverse riprese si sono aggrediti tentando di usare anche un coltello e un “nunchaku”. Le motivazioni, secondo quanto reso noto dagli investigatori, risiederebbero nei problemi di vicinato che si trascinavano da tempo in considerazione del fatto che i due nuclei familiari abitano nello stesso palazzo.

A seguito della rissa la Villano, Antonio Morello e la Campora hanno dovuto far ricorso alle cure mediche per contusioni e ferite varie giudicate guaribili in un massimo di 15 giorni.

Sono tutti stati arrestati e posti ai domiciliari con le accuse a vario titolo di rissa, lesioni e porto in luogo pubblico di arma bianca di genere vietato. Le operazioni sono state coordinate dal capitano Piermarco Borettaz, supportato dal tenente Luca Domizi e dai marescialli Marco Albano, Raffaele Dati e Pasquale Pierri.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •