X

Il tribunale di Vibo Valentia

Tempo di lettura < 1 minuto

VIBO VALENTIA – Giudizio immediato per evidenza della prova. Questa la decisione della Dda di Catanzaro nei confronti dei presunti componenti del sodalizio dei Soriano di Pizzinni di Filandari. E così l’inchiesta “Rinascita-Scoot” inizia a ramificarsi giudiziariamente. Il 13 maggio prossimo gli imputati compariranno davanti al Tribunale di Vibo.

Si tratta di Leone Soriano, 56 anni, ritenuto a capo dell’omonima consorteria, Caterina Soriano, 30 anni, Giuseppe Soriano, 29 anni, Graziella Silipigni, 49 anni, Francesco Parrotta, 37 anni, Luca Ciconte, 28 anni e Giacomo Cichello, 33 anni. Sono accusati di associazione mafiosa.

LEGGI IL FASCICOLO NELL’OPERAZIONE

Leone Soriano è ritenuto dall’accusa promotore e direttore dell’associazione, con il compito di gestire e pianificare gli agguati e gli atti intimidatori, indicando anche gli obiettivi da colpire e prendendo le decisioni di rilievo per la vita della cosca.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares