X
<
>

La Questura di Vibo Valentia

Tempo di lettura < 1 minuto

NICOTERA (VIBO VALENTIA) – Avevano progettato un omicidio ma i loro propositi sono stati sventati dalla Squadra mobile di Vibo Valentia che ha arrestatocon l’accusa di tentato omicidio e detenzione di armi con l’aggravante delle modalità mafiose Antonio Campisi, di 29 anni, e il cugino Giuseppe Muzzupappa (36), entrambi residenti a Nicotera Marina.

I due erano stati sorpresi, nel novembre dello scorso anno, mentre lanciavano nel fiume, da un’abitazione di Gerocarne, una pistola con matricola abrasa calibro 7.65, con relativo munizionamento e colpo in canna. Nel corso dei successivi controlli erano stati sequestrati un giubbotto antiproiettile, un passamontagna, oltre 30.000 euro e un’autovettura blindata munita di sirena. Campisi era stato trovato anche in possesso di un documento falso.

Secondo le indagini, i due si sarebbero spostati a Gerocarne per commettere un omicidio ai danni di appartenenti al sodalizio mafioso dei Loielo. Antonio Campisi è figlio di Domenico Campisi, presunto broker della droga ucciso nel 2011 vicino Nicotera.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares