X
<
>

Il palazzo comunale di Zungri

Condividi:

ZUNGRI (VIBO VALENTIA) – Il primo campanello d’allarme si era acceso il 14 agosto scorso, ovvero quando il virus ha minacciato i primi cenni di ritorno, stringendo nelle proprie grinfie adolescenti e giovani del posto. Sembra stia rivivendo la situazione di parecchi mesi fa il piccolo centro vibonese il quale, adesso, è di nuovo alle prese con l’avvento del Covid.

Non si parla sicuramente di emergenza totale ma l’allarme sicuramente non può essere trascurato, soprattutto dopo il comunicato dell’attuale sindaco Francesco Galati con il quale si informano i casi di contagio all’interno del territorio: «Si informa la cittadinanza che purtroppo i casi di infezione da Covid-19 ad oggi sono diciannove, quindici a Zungri e quattro nella frazione Papaglionti. In quindici dei diciannove casi riscontrati, inoltre, vi sono legami con focolai attivi in altri comuni, in quanto i soggetti positivi hanno avuto contatti o  hanno soggiornato nei giorni scorsi in detti comuni. Tutti i soggetti positivi, comunque, sono in isolamento presso le proprie abitazioni».

Un appello, infine, ad un maggiore senso di protezione e amor proprio, in modo da non ricadere così nuovamente nella stessa trappola: «Invito poi tutti i gestori dei pubblici esercizi, bar e ristoranti ad attenersi scrupolosamente alle disposizioni di sicurezza in vigore:, richiedendo il green pass all’interno dei locali e rispettando distanze di almeno un metro ai tavoli all’aperto. Non sottovalutiamo la situazione, bloccare il focolaio in atto dipende soprattutto dai nostri comportamenti. Senza fare allarmismo,  esorto ancora una volta tutti ad indossare la mascherina di protezione nei locali interni e anche all’aperto, quando non è possibile, mantenere la distanza di sicurezza (mascherina consigliata almeno del tipo FFP2)».

Giovedì 26 agosto intanto, a partire dalle ore 15:00 presso la sala della Protezione Civile di Zungri, è previsto il Vax Day (senza prenotazione) con vaccinazione aperta anche ai minorenni dai 12 anni in su.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA