X
<
>

Il plesso scolastico di Pernocari

Condividi:
1 minuto per la lettura

ROMBIOLO – Mancherebbe solo la firma da parte dell’Asp alla convenzione tra questa e il Comune di Rombiolo, con la quale si dislocano, sebbene temporaneamente, le due postazioni di 118 di Vibo a Pernocari, ed esattamente nei locali dell’ex scuola dell’infanzia della frazione. Ma si tratterebbe solo di una pura formalità.

Secondo nostre informazioni, infatti, già in questi giorni è cominciato il trasloco dal piano superiore del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale della città capoluogo di provincia (dal quale sono state “sfrattate”) ad un’ala del plesso scolastico di Pernocari.

Era stato il sindaco Domenico Petrolo, nel corso di un’assemblea dei primi cittadini, a dare la disponibilità ad ospitare le due ambulanze con i relativi equipaggi per turno (sono tre): un autista, un infermiere e un medico per ogni mezzo sanitario. Una proposta sostenuta anche dal consigliere regionale e presidente della Commissione Sanità Michele Comito.

Pernocari, infatti, dà ampie garanzie sotto molteplici punti di vista: la posizione al centro del Poro con la possibilità di raggiungere in breve tempo tutti i comuni che fanno attualmente riferimento alle postazioni 118 di Vibo, ampi locali da adibire ad alloggio per il personale sanitario e a deposito di medicinali, il posto macchine per le ambulanze, i servizi elettrici e telefonici necessari e, soprattutto, uno spiazzo, attualmente utilizzato come parcheggio, a pochi metri dall’edificio scolastico, da utilizzare come pista d’atterraggio per l’elisoccorso.

Nel corso della citata riunione, Petrolo aveva sottolineato come il comprensorio del Poro da anni auspichi la possibilità di usufruire di questo servizio. E pare che l’auspicio sia stato soddisfatto. Questa mattina sit-in di protesta davanti di fronte all’Asp di Vibo da parte dei sindacati che rappresentano gli operatori sanitari contrari allo spostamento.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE