X
<
>

Enrico Pasqua

Tempo di lettura 2 Minuti

Ricordando Enrico Pasqua, venuto a mancare il 15 marzo 2021, che proprio oggi avrebbe compiuto 89 anni.

Enrico Pasqua era il maggiore di otto fratelli, rimasto orfano di padre, seppe farsi carico della sua numerosa famiglia, occupandosi con affetto e dedizione dell’educazione e dell’istruzione dei suoi fratelli che riconobbero in lui la figura di un padre attento e premuroso.

Militò da giovanissimo nella Democrazia Cristiana e ne fu sempre un sostenitore coerente ed appassionato. Il suo impegno in politica lo portò ad essere consigliere comunale ed anche Sindaco del Comune di Limbadi.

Svolse l’attività di amministratore spendendosi con senso di responsabilità nella costruzione di importanti opere pubbliche come il Palazzo comunale. Residente nella frazione Mandaradoni, non mancò impegnarsi in prima persona per ottenere fondi e riconoscimenti finalizzati alla realizzazione di importanti opere pubbliche dalle reti idrica e fognaria, all’edificio scolastico, dalla pavimentazione urbana alla nuova Chiesa parrocchiale.

Fu nominato “Cavaliere del lavoro” dall’allora Presidente del Consiglio dei Ministri Mariano Rumor, nel periodo in cui fu Presidente della Repubblica Giovanni Leone.

Legato da fraterna amicizia con gli onorevoli: Galati, Andreotti, Misasi, Pujia e Murmura, non mancò di perorare presso questi la risoluzione delle problematiche riguardanti la propria comunità. 

Persona umile, ma carismatica, condusse una vita intensa tutta dedita alla famiglia, al lavoro e alla politica, la sua grande passione di sempre. 

Oggi avrebbe compiuto 89 anni e il nostro pensiero come famiglia e al suo esempio, ai suoi insegnamenti, alla sua esperienza di vita che senza dubbio hanno lasciato un segno non solo in tutti noi ma anche nella comunità di Limbadi cui lui ha dedicato tutta la sua esistenza politica.

La famiglia

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA