X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

Sono arrivati da tutta la provincia ad Ariano per sottoporsi al vaccino. Docenti e operatori scolastici hanno atteso pazientemente il proprio turno al Polo Ospedaliero di Ariano, nella prima giornata della campagna vaccini al personale scolastico. Sono 207 su 230 prenotati i primi docenti a cui è stato somministrato la prima dose del vaccino Astrazeneca. 3636 i prenotati in tutta la provincia, un numero che appare inferiore alle attese. Preoccupano in alcuni casi gli effetti collaterali del vaccino. Ma è ancora possibile aderire al piano, segnalando il proprio nome all’istituto di appartenenza.

Quattro su sette i box in funzione nella struttura ospedaliera di Ariano, alle 9.00 la prima inoculazione. In tanti hanno sottolineato il forte valore di cui si caricano i vaccini per le scuole: “E’ fondamentale vaccinarsi per la famiglia, per i nostri alunni. E’ per noi docenti un dovere morale”. “L’ho fatto – spiega Emilia – na Marinaccio, docente all’istituto alberghiero di Ariano perchè vedo nel vaccino l’unica possibilità per uscire da questa situazione e dare ai miei figli la possibilità di tornare ad una vita normale. E’ stato bello ritrovare tanti colleghi che non vedevo da tempo, desiderosi di speranza”.

Non è mancata, però, qualche polemica. “Abbiamo dovuto sottrarre tempo – spiega uno degli insegnanti – alla didattica per sottoporci ai vaccini. Sarebbe stato preferibile che fossero astati allestiti dei presidi a scuola o che fosse stato scelto un centro più vicino alla nostra residenza”. Altri parlano di ritardi nella comunicazione che hanno reso tutto più difficile. “Il nostro istituto- spiega la Dirigente scolastica Emilia di Blasi, alla guida dell’istituto comprensivo di Di Meo di Volturara – è stato tra i primi della provincia di Avellino ad aderire tempestivamente alla campagna con la speranza che questo sia un primo passo verso la desiderata normalità che tutti auspichiamo.

Certamente notevole è stata la difficoltà nell’organizzare la giornata scolastica odierna, considerando il breve lasso di tempo delle convocazioni e il ritardo delle comunicazioni ufficiali da parte degli Enti preposti. Nonostante tutto, grazie allo spirito di collaborazione che da sempre contraddistingue l’Isti – tuto, le lezioni si sono svolte regolarmente. Una criticità è certamente quella rappresentata dal fatto che il personale, pur in servizio. deve usufruire di un giorno di permesso per potersi vaccinare.

Sarebbe stato opportuno che Usr e Asl si confrontassero con i dirigenti sulle modalità di organizzazione della campagna per non lasciare soli ancora una volta i dirigenti”. Intanto, non si fermano i contagi nelle scuole. Un nuovo caso di positività da covid-19 si è registrato presso ‘Istituto Comprensivo Regina Margherita-L. Da Vinci. L’Asl che, come di consueto, ha disposto dal giorno 22 febbraio 2021 la quarantena domiciliare per alunni e docenti della classe gli interventi di sanificazione. Scuole chiuse a Bisaccia, fino al 9 marzo a Lauro. Fino al 27 febbraio sospensione dell’attività didattica in presenza a Mercogliano, Taurano, Grottaminarda, Forino, Contrada, Avella, Domicella, Marzano di Nola

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares