X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

Un magazzino di capi d’abbigliamento contraffatti, molti dei quali finiti anche sui banchi di ambulanti in Lombardia, è stato scoperto a Capodrise (Caserta) dalla Guardia di Finanza, che ha denunciato un 45enne per i reati di ricettazione e contraffazione.  Il blitz delle fiamme gialle di Marcianise è scattato dopo un sequestro operato dalla Polizia Municipale di Milano, che ha scoperto su numerose bancarelle del capoluogo lombardo i capi di note griffe, ma tutte rigorosamente false; la segnalazione è stata subito riscontrata dai finanzieri, che sono arrivati alla cantina di un fabbricato nella periferia di Capodrise, adibita a laboratorio e deposito, dove sono stati rinvenuti, ben ordinati in esposizione sugli scaffali, oltre 300 indumenti ed accessori contraffatti (pantaloni, giubbotti, magliette, felpe e borse) di elevata qualità e finemente rifiniti, pronti per essere immessi sul circuito illegale delle false griffe. Nel corso del controllo sono state inoltre trovate anche migliaia di etichette e segni distintivi metallici di famosi marchi internazionali,come Gucci, Colmar, Burberry, Moncler, Prada, Louis Vuitton, Chanel, Liu Jo, Armani Jeans, Adidas e Nike,destinati ad essere applicati sui capi subito prima del
loro smercio.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares