X

Tempo di lettura 2 Minuti

CASERTA – I vigili del fuoco di Mondragone sono intervenuti intorno alle 2 della scorsa notte in viale Margherita per spegnere l’incendio di un furgoncino parcheggiato a ridosso dei palazzi ex Cirio, da lunedì zona rossa a causa di una cinquantina di contagi da coronavirus diffusi prevalentemente tra la comunità bulgara che abita nella cittadina casertana. Sembra che il mezzo sia stato dato alle fiamme e sia di proprietà di un cittadino bulgaro. Per rafforzare il presidio di vigilanza della zona rossa il ministro dell’Interno su richiesta del presidente della Regione Campania, ha inviato ieri un contingente di 50 militari; altri 40 agenti di polizia sono stati messi a disposizione della questura di Caserta. Nella giornata di oggi è atteso l’arrivo di altri 30 militari.


Intanto, è stato individuato e portato in caserma l’uomo di nazionalità bulgara che ieri, durante i momenti più concitati della protesta, sfociata in guerriglia urbana, ha lanciato una sedia dalla sua abitazione, ferendo lievemente un poliziotto. La violazione della zona rossa da parte di alcuni cittadini bulgari ha scatenato la rabbia della comunità italiana trasformando così l’emergenza sanitaria in emergenza di ordine pubblico.

Nel pomeriggio di giovedì una trentina di persone sono entrate anche nel Municipio chiedendo al primo cittadino di reprimere in modo duro la protesta dei bulgari minacciando di farsi giustizia da soli. Il governatore De Luca, che ieri si è recato sul posto, ha detto che per 15 giorni nessuno deve entrare o uscire dalla zona rossa. Da oggi due camper dell’unità di crisi regionale effettueranno i tamponi a chi abita nei pressi dei palazzi ex Cirio.


“Se troviamo quattro, cinque o dieci positivi – ha detto De Luca – vuol dire che la situazione è pienamente sotto controllo. Se dovessimo avere cento positivi si mette in quarantena tutta la città di Mondragone”. Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario della Lega Salvini. “Sarò martedì a Mondragone e Castel Volturno per incontrare i cittadini e cercare di capire come aiutare, anche le Forze dell’ordine a fare il loro lavoro”, ha detto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares