Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

NAPOLI – Settimana di partenze per le vacanze  e settimana di possibili disagi per chi si muove in treno, auto,  aereo, traghetto e anche in città. E’ infatti in programma lo  sciopero generale dei trasporti, articolato su due giorni, che  fermerà mercoledì 24 tutti gli ambiti, dal tpl alle ferrovie,  dai porti alle autostrade, mentre il 26 solo il trasporto aereo. Sempre il 26 è in programma però anche uno sciopero di 24 ore di  Alitalia. E il ministero dei trasporti ha già convocato per  martedì i sindacati per affrontare le problematiche del  trasporto aereo e scongiurare che il 26 si trasformi in un  venerdì nero. Il doppio sciopero in pieno esodo estivo manda  intanto su tutte le furie i consumatori, con il Codacons che si  dice pronto a denunciare i sindacati per «violenza privata» e  chiede ai prefetti e al premier di precettare i lavoratori. Lo sciopero nazionale, proclamato unitariamente da Filt Cgil,  Fit Cisl e Uiltrasporti per chiedere al Governo di avviare un  confronto a 360 gradi sul settore dei trasporti, avrà una durata  di 4 ore (con qualche eccezione) e si svolgerà in due giornate,  con presidi mercoledì 24 in varie città e a Roma davanti al Mit. In particolare, il 24 sono possibili disagi nelle città, con lo  stop del trasporto pubblico locale, che avrà modalità locali e  fasce di garanzia: ad esempio a Milano, Torino e Firenze bus e  metro a rischio dalle 18 alle 22, a Roma dalle 12.30 alle 16.30,  a Bologna dalle 11 alle 15, a Napoli dalle 9 alle 13.   Possibili disagi anche per chi si sposta in auto: nelle  autostrade lo stop il 24 scatterà nelle ultime 4 ore del turno  per il personale addetto agli impianti, alla sala radio e alla  viabilità, mentre per un intero turno per il restante personale  (tra cui anche gli addetti ai caselli). Nel trasporto  ferroviario invece la protesta, mercoledì 24, durerà 8 ore, con  treni a rischio dalle 9 alle 17.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •