X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

NAPOLI – Sono 634 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 22.376 test esaminati. Il tasso di incidenza sale al 2,83%, contro il 2,16 del giorno precedente. Il bollettino dell’Unità di crisi, aggiornato alla mezzanotte scorsa, segnala anche sette vittime. I posti letto di terapia intensiva occupati scendono a 23 (-3), quelli di degenza sono 353 (-1).

Conla solita ironia sferzante il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, è tornato anche ieri ad esternare sulle vaccinazioni. “Fra le tendenze deteriori e pericolose con le quali dobbiamo confrontarci in queste ore – ha affermato De Luca- c’è la tendenza neo medioevale. In questa categoria possiamo collocare i no vax, ma anche tanti docenti universitari che hanno firmato un appello sgangherato, opportunistico e irresponsabile in relazione al vaccino. Dovremmo ricordare che noi abbiamo tolto la libertà di cura non a chi non si è vaccinato, ma alla povera gente che in questo anno e mezzo non ha potuto operarsi di tumore, al cuore o al cervello perché abbiamo dovuto chiudere i reparti ordinari per accogliere i malati di Covid. Quella è la liberà che è stata violata, una vergogna. E chiedono ai poteri pubblici di intervenire, come se un cittadino e un intellettuale non avesse lui il compito di fare il proprio dovere”.

E sui vaccini per coloro che hanno già completato le due fasi- De Luca chiarisce: “Ci stiamo già preparando per la terza dose, intanto perché avremo scadenze inevitabili. La prima riguarderà il personale sanitario, chi si è vaccinato a gennaio avrà probabilmente difese immunitarie molto più basse già a novembre. Credo che cominceremo dalle Rsa da fine settembre. Poi mondo del trasporto, mondo scolastico, e poi ci regoleremo. Io sarò fra i primi a farmi la seconda la terza la quinta la sesta, non ho problemi”. De Luca non viene meno al suo sport preferito: l’at – tacco a chi non condivide le sue idee. “Stavo leggendo questa mattina una intervista ad Ales – sandro Barbero che mi ha rovinato la mattinata: ha avuto la capacità in tre colonne di intervista di dire tutta una serie di stupidaggini che gridano vendetta”. “Questo docente – ha aggiunto il governatore – è uno che si è vaccinato, che dice che non avrebbe neanche problemi a rendere obbligatorio il vaccino, ma che contesta non ho capito che cosa.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA