X

Tempo di lettura 2 Minuti

NAPOLI – Non è balneabile la Spiaggia delle sirene di Amalfi.E’ quanto fa sapere l’Arpac, al termine dei controlli mensili di giugno sulla qualità di 328 acque di balneazione della Campania. Già due volte, dall’avvio della stagione 2020, questo tratto ha registrato esiti sfavorevoli.

A tutt’oggi sono in itinere indagini congiunte tra il Comune e il Dipartimento Arpac di Salerno, per conoscere ed eventualmente rimuovere le cause che hanno determinato l’inquinamento. Riammesse a balneazioni le acque di Marina di Cetara. Il completamento della condotta sottomarina che conferirà i reflui dell’impianto di depurazione consortile di Salerno e gli interventi di razionalizzazione delle linee fognarie sottostanti il tratto tombato del torrente Cetus sono stati ritenuti elementi in linea con i principi sanciti dalla norma che disciplina la gestione delle acque scarse.

Queste azioni di risanamento, congiuntamente all’esito favorevole del controllo Arpac del 16 giugno, hanno reso possibile revocare il divieto di balneazione e l’acqua è stata ripristinata all’uso balneare come acqua «di nuova classificazione», fino al completamento dei dati utili all’attribuzione della classe di qualità. Migliora la situazione per l’area, storicamente «scarsa», del Comune di Sapri, dove l’esito del prelievo è risultato nei limiti normativi. L

e acque che erano «scarse» nel 2017, afferenti ai Comuni di Ercolano, Atrani, Eboli, Minori e San Giovanni a Piro, trascorsi i tempi per la determinazione della classe, sono risultate di qualità “buona» per la stagione 2020. Nonostante l’inizio del monitoraggio sia stato posticipato quest’anno al 25 maggio a causa dell’emergenza Covid-19, l’Agenzia ha già visitato due volte tutti i punti di prelievo, effettuando i sia controlli «pre-stagionali» sia i controlli del mese di giugno. L’Agen – zia ha prelevato 756 campioni e ha analizzato i parametri batteriologici (Escherichia Coli ed Enterococchi intestinali) ritenuti dall’Oms indicatori di inquinamento fecale e pertanto determinanti la balneabilità.

L’Arpac ha inoltre effettuato, sempre nel mese di giugno, prelievi a Salerno (“Torrente Mariconda”), Monte di Procida (“Ca – po Schiano”) e Maiori(“Spiaggia Maiori 1”), in seguito a osservazioni o segnalazioni di presenza di schiume e/o anomalie, per la ricerca di parametri aggiuntivi quali idrocarburi, fitoplancton e tensioattivi, indicatori di contaminazione da scarichi civili. Non è stata riscontrata contaminazione.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares