X
<
>

Condividi:

NAPOLI – A poche settimane dalle elezioni regionali, gli Stati Generali delle donne della Campania, su proposta della Coordinatrice Regionale, Maria Lippiello, presentano ai candidati e alle candidate al Consiglio Regionale un «Patto per le Donne della Campania» attraverso cui impegnarsi, se eletti/e, per progettare, sostenere e promuovere misure concrete per le pari opportunità e contro le violenze di genere. Il Patto per le Donne della Campania – spiega Maria Lippiello – è un modello nuovo di partecipazione dal basso, di condivisione e coinvolgimento diretto della comunità delle donne nella costruzione di un piano strategico per la Campania costantemente attento alla salvaguardia e alla tutela delle pari opportunità.

E’ la chiave di volta di un percorso e di un lungo cammino che mira non soltanto a delineare obiettivi precisi, ma ad incanalare in quella direzione risorse umane, portatrici di esperienze, di professionalità e di idee concrete, ed economiche. Non un libro dei sogni, non semplici buone intenzioni ma un impegno di responsabilità di tante e tanti per un percorso riconosciuto come possibile, al quale ritenersi impegnate/ i, ciascuno/a per la propria parte. Il Patto per le Donne della Campania è l’occasione per la costruzione di nuove relazioni e nuovi legami tra chi amministra e chi vive i territori, non è una definizione astratta né una delega in bianco! Rappresenta un nuovo modo di operare, attraverso un percorso unitario di intervento sui territori finalizzando la propria azione a creare nuova occupazione femminile, ad investire in formazione e in politiche a sostegno delle donne e per le donne».

L’IMPEGNO DI D’AMELIO “La forte disparità dei salari tra uomini e donne incide in negativo sulla società, impedendo la piena emancipazione e realizzazione di tutti. Per questo motivo, nella prossima legislatura mi farò promotrice di una misura che abbatta la differenza retributiva basata sul genere, introducendo nel settore privato benefici economici in favore delle imprese virtuose», dichiara la presidente del Consiglio regionale della Campania Rosetta D’Amelio, capolista del Partito democratico in provincia di Avellino alle Regionali 2020.

“Sono da sempre convinta che senza parità di genere non si possa raggiungere un sistema equo di cittadinanza e convivenza. Ho firmato decine di leggi che riguardano le donne: la loro salute, la loro tutela e la loro presenza nelle istituzioni. Un ulteriore passo in avanti verso la parità credo debba necessariamente passare per il contrasto al gap retributivo, possibile attraverso premialità e sgravi Irap», continua D’Amelio. “Secondo Eurostat le donne italiane, nelle aziende private, percepiscono oltre il 20% in meno dei colleghi uomini – conclude -. Promuovere la parità dei salari deve perciò essere un dovere urgente delle istituzioni. E’ questa la prima di tre proposte concrete e realizzabili a partire dalle quali si caratterizzerà il mio impegno nei prossimi anni».

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA