Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto

– Bombe carta, minacce e incendi per sottrarre appalti alla concorrenza. C’è tutto questo dietro i due arresti che sono scattati a Vico Equense (Napoli).
    A finire in manette un imprenditore edile ed un 34enne di Pompei. Gli indagati, tra il gennaio e il febbraio di quest’anno, avrebbero disposto il posizionamento di due bombe carta: una esplose davanti a un hotel di Vico Equense che la ditta aggiudicataria stava ristrutturando, l’altra davanti al garage privato del titolare dell’azienda. Secondo l’accusa i due avrebbero ordinato anche l’incendio di un autoarticolato dell’azienda concorrente: il mezzo venne dato alle fiamme mentre era parcheggiato in prossimità di una struttura che la ditta stava adibendo ad albergo, sempre a Vico Equense. Ai gesti intimidatori aggiunsero una telefonata fatta a un dipendente dell’azienda presa di mira: “Dite al ‘mastro’ vostro che deve portare quell’offerta a Vico Equense”, vale a dire dovevano cedere i loro appalti per non avere altri problemi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •