X
<
>

Foodie love, la prima stagione della serie è in onda su Rai Play

Tempo di lettura 2 Minuti

“Abborda l’amore e la cucina con lo stesso temerario abbandono”. È una delle tante istruzioni per la vita inclusa in quelle liste motivazionali che abbondano in rete, ma potrebbe anche essere il sottotitolo perfetto per Foodie Love, mini-serie spagnola del 2020 con protagonisti lui, lei e il cibo (stagione 1, 8 episodi, regia di Isabel Coixet – Disponibile gratuitamente su Rai Play).

Grazie a un immaginario social che mette in contatto cuori solitari con il debole per la cucina, lui e lei si incontrano per la prima volta in un cafè. I nomi dei protagonisti non vengono mai pronunciati in tutta la serie perché forse potrebbero essere ognuno di noi. Del resto è difficile trovare oggi chi, superati i trentacinque, non abbia mai provato almeno una volta l’imbarazzo e la sottile eccitazione tipici degli incontri al buio.

Dopo quel primo informale caffè i due protagonisti, i bravissimi Laia Costa e Guillermo Pfening, scalano tutte le tappe degli incontri a due, una per ogni episodio: il cocktail bar segreto, il ristorante etnico da veri intenditori, lo stellato che fa nouvelle cuisine e due tappe fuori dalla Spagna, a Roma e Parigi. La passione cresce tanto quanto il numero di stelle dei locali frequentati, fino ad arrivare al sempre temuto weekend romantico in hotel di charme, quando la relazione o passa di livello o si sgonfia come un soufflé venuto male. La cucina è la terza protagonista di Foodie Love, serie in cui le scene che raccontano piatti e cocktail sono curate, dettagliate e molto sensuali. Chef e bartender, cupidi inconsapevoli, aiutano i due protagonisti a lasciarsi andare al desiderio dimenticando paure e delusioni del passato. Ci riusciranno? Tutto fa pensare che vedremo presto una seconda stagione.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA