X
<
>

Pierfrancesco Favino interpreta Bettino Craxi in "Hammamet"

Tempo di lettura < 1 minuto

Erano molti i socialisti e gli appassionati di Gianni Amelio e Pierfrancesco Favino che venerdì sera si pregustavano di vedere o rivedere il film “Hammamet” programmato in prima serata su Raitre.

Ma senza preavviso, e all’ultimo secondo, la Rai ha deciso di trasmettere il film “Arrivano i prof” con Claudio Bisio.

Si sono registrate polemiche sui social, soprattutto da parte di Bobo Craxi, che ha polemizzato con il direttore di RaiTre, scrivendo: “Di Mare, lei sa che la censura è una prassi da regime sovietico o franchista?”.

Il senatore Nencini ha preannunciato un intervento in Commissione di vigilanza. La Rai solo oggi pomeriggio ha diramato una nota in cui si legge: “A proposito della messa in onda del film Hammamet, originariamente prevista venerdì scorso, Rai3 informa che nell’ambito di una normale attività di modulazione del palinsesto l’opera di Gianni Amelio verrà trasmessa il 26 novembre”.

Bettino Craxi, anche da morto e personaggio cinematografico continua ad essere ingombrante e divisivo.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA