X
<
>

Volontari a lavoro sulla Scala dei turchi

Condividi:

Dopo appena 24 ore la Scala dei Turchi, la celeberrima scogliera di marna bianca sulla costa sud della Sicilia è stata completamente ripulita.

Sabato mattina era stata ritrovata imbrattata e vandalizzata da ignoti che avevano cosparso la pietra con una sostanza di colore rosso.

Il rapido intervento di ripristino è stato possibile grazie all’intervento dei tecnici del comune di Realmonte (Agrigento) nel quale si trova la Scala dei Turchi, della Soprintendenza, ma soprattutto da quello di decine di volontari che colpiti dal gesto sconsiderato compiuto da ignori oggi sono arrivati sul posto per offrire la loro opera.

Già nel primo pomeriggio la pietra a picco sul mare appariva di nuovo come la natura l’ha modellata nei secoli.

La ripulitura dei luoghi è stata per fortuna agevolata dal fatto che la sostanza cosparsa sulla scogliera non era vernice: si trattava con ogni probabilità di ossido di ferro, una polvere che il vento e le onde marine avevano già cominciato a portar via e poi completamente rimossa da tecnici e volontari. L’intervento di questi ultimi è stato elogiato dal governatore della Sicilia Nello Musumeci: «Ringrazio tutti per il generoso atto di civismo e di scrupolosa responsabilità dimostrati».

«Torno a ringraziare per questo grandissimo risultato i volontari della protezione civile di Realmonte, la Soprintendenza di Agrigento che si immediatamente si è attivata, il comando provinciale dei carabinieri che ha raccolto elementi utili alla individuazione del responsabile di questo vile gesto» ha aggiunto la sindaca Sabrina Lattuca.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA