X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

L’Italia è specialista nel cercare Gesù Cristo. Inneggiare a Gesù Cristo e crocifiggerlo il giorno dopo. Questo gioco purtroppo appartiene un po’ agli esercizi ricorrenti della politica italiana e oggi si esercita con Mario Draghi che è l’uomo che ha salvato l’euro con tre parole e che è universalmente riconosciuto come la voce dell’Europa nel mondo.

Siamo al nuovo ’29 mondiale e potremmo fare tesoro dei consigli del banchiere centrale più innovativo che ha fatto la storia e di uno statista che è stato l’architetto politico della nuova Europa. Invece no.

Ci piace disegnare scenari, risolvere sempre tutto con il quadro politico mentre c’è un drammatico bisogno di agire subito e bene. Di dire come stanno davvero le cose in economia e di fare tutto quello che va fatto. Non di spargere ottimismo di maniera, rinviare le decisioni e dare un pochino a tutti. Perché così non si va da nessuna parte.

Il piano francese per il Recovery Plan è già pronto. Ci sono le scelte. Ci sono le cifre. Si comprende la missione politica. Noi di contenuti e di priorità parliamo pochissimo. Non si elabora e non si fa condividere la missione nazionale, ma si pensa alle caselle di governo di una Triade ministeriale e non di coinvolgere l’amministrazione cambiando quello che si deve cambiare per dare esecuzione al progetto. No, si parla, non si capisce come non si capisce dove, di trecento “ubriachi” che dovrebbero andare sballottati da un ministero all’altro per fare correre ciò che sarebbe invece condannato all’immobilismo. Vogliamo essere come sempre diretti.

Siamo contenti che il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, abbia preso penna e carta e abbia scritto agli altri Presidenti delle Regioni del Sud per denunciare “il furto” da 20,92 miliardi in danno del Mezzogiorno e delle sue Regioni.

L’Italia è il primo beneficiario del fondo perduto per un importo di 65,4 miliardi proprio perché inversione di Pil e tasso di disoccupazione dei territori meridionali obbligano l’Europa a attribuire una dote così straordinaria all’Italia e a chiederne conto in termini di coesione. Non si scherza più perché questi soldi di cui si parla da mattina a sera sono a fronte di progetti ben fatti e rendicontabili. Per cui non si può togliere al Mezzogiorno ciò che gli spetta ma il Mezzogiorno deve essere capace di utilizzare questa cassa per fare nei tempi prestabiliti la banda larga ultraveloce, progetti veri che valorizzino il capitale umano e la ricerca, la nuova rete ferroviaria veloce, il riassetto dei porti, e poco altro.

I Presidenti delle Regioni, come chiede questo giornale da un anno e mezzo per i diritti di cittadinanza e da qualche mese per il Recovery Plan, parlino con una sola voce, ma escano per sempre dalla logica dei progetti sponda e delle piccole clientele. Si ricordino tutti sempre che il discorso macro è oro colato, non si può continuare a sottrarre risorse dovute al Mezzogiorno, ma il discorso micro non può più essere il marcio di sempre. Perché il merito per i nostri giovani di talento deve ancora arrivare.

Così come il Nord e i suoi Capetti delle Regioni della Sinistra Padronale e della Destra a trazione leghista avranno sempre il nostro pieno sostegno per un grandissimo investimento in Industria/Impresa 4.0 perché l’Italia può ripartire solo se ripartono i due motori insieme. A patto, però, che la si smetta di spacciare carrelli e montacarichi come innovazione e a condizione che le piccole imprese si fondano perché la differenza di produttività tra media e piccola è sotto gli occhi di tutti.

È inutile dare soldi a chi non ha la dimensione minima necessaria per aumentare la produttività. Anche questo significa scegliere le imprese da salvare e fare le cose giuste.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA