X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

IL PARACADUTE DI GIAMPAOLO ROSSI

La non designazione a consigliere del cda Rai di Giampaolo Rossi, il candidato di Giorgio Meloni e Fratelli d’Italia, da parte del Parlamento ha scatenato un putiferio nel centrodestra.

Il fatto che Forza Italia abbia preferito votare Simona Agnes anziché riconfermare Rossi ha fatto gridare la Meloni e il suo partito alla lottizzazione di Viale Mazzini da parte della maggioranza che non lascia nulla all’opposizione. E anche a livello politico la tensione è alta.

Una soluzione che potrebbe far raffreddare gli animi surriscaldati è la nomina di Giampaolo Rossi a direttore generale, in pratica il numero 2 dell’a.d. Fuortes scelto dal governo.

Nomina, ovviamente, caldeggiata dalla Meloni e dal suo partito.

LA SFIDA DI TG2 POST

Il direttore del telegiornale della seconda rete, Gennaro Sangiuliano, sta raccogliendo i frutti della sua intuizione avuta al suo arrivo quando il direttore di Rai2 era ancora Carlo Freccero: dotare anche la Rai di un approfondimento delle notizie all’ora di cena, in concorrenza con Otto e Mezzo di Lilli Gruber e Stasera Italia di Barbara Palombelli.

Oggi Tg2 Post ha eliminato il divario iniziale e se la gioca alla pari in quest’estate contro Stasera Italia News condotto da Veronica Gentili su Rete4 e In Onda su La7 con la coppia Concita De Gregorio e David Parenzo.

Ieri sera gli ascolti sono andati così: su Rai2 Tg2 Post media spettatori 1.030.000 (share 5,2%). Su Rete4 Stasera Italia News 975.000 spettatori (5,1%) nella prima parte e 1.174.000 spettatori (5,9%) nella seconda. Su La7 In Onda 1.032.000 di media spettatori (5,2%).


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA