X
<
>

Gasparri alla Cerimonia di Basovizza

Condividi:

Il Pd esce “al naturale” e lascia la cerimonia sulle Foibe a Basovizza quando prende la parola Maurizio Gasparri. Troppo per il Pd sopportare lo svolgimento de la Giornata del Ricordo dopo il fermo monito scolpito ieri da Sergio Mattarella: “Una sciagura nazionale”.

Prendere a pretesto la presenza di Gasparri per andarsene da Bosovizza svela nel Pd ignoranza e malafede. Ignoranza perché la vocazione politica di quell’ex ragazzo altra data non ha che il 10 febbraio. Malafede, infine: Se ci si ricorda di Basovizza è perché ne ha sempre parlato lui, Gasparri, giusto quello cui il Pd non concede parola.



La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA