X
<
>

Giuseppe Tatarella

Tempo di lettura < 1 minuto

Nessun pregiudizio verso Mario Draghi, dichiara Matteo Salvini. “Astensione per non rompere l’unità” dice Giorgia Meloni e a margine della discussione interna al Centrodestra una domanda – tutta sentimentale – sorge spontanea: cosa avrebbe fatto Pinuccio Tatarella, oggi, con un Draghi in pista? Il ministro dell’Armonia – così, Pinuccio – da artefice quale fu dell’unica destra lesta e moderna sarebbe già con lui a Palazzo Chigi “per un governo di unità e di salvezza capace di traghettare l’Italia nel terzo millennio”. Pare di sentirne la voce, tutta chiazzata di sporcamusso e crema pasticcera.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

  •  
  •  
  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares