X
<
>

Luana D'Orazio

Tempo di lettura < 1 minuto

Il Primo Maggio resta in virtù di Fedez e della sua intemerata a favore di bovarismi Lgbt et similia. Nessuna obiezione. Ma nel Primo Maggio degli influencer – giammai di San Giuseppe Lavoratore – non c’è accenno alcuno al disastro sociale o alla tremenda storia dell’operaia di Prato, Luana D’Orazio, inghiottita da una macchina (simbolo atroce dei morti sul lavoro che sono tanti, una vera strage nell’Italia del 2021). E un fatto è un fatto: alla sinistra interessano solo i diritti civili. Zero interesse, invece, per le garanzie sociali. Zero glamour.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares