X
<
>

Chico Forti

Tempo di lettura < 1 minuto

Il cittadino italiano Chico Forti che sta scontando l’ergastolo negli Stati Uniti per il presunto omicidio di Dale Pike nel 1998 a Miami e per il quale si è sempre professato innocente – al di là del sincero impegno della Farnesina per riportarlo in Italia – non diventa di moda. E c’è da chiederselo perché mai il suo caso non abbia la stessa solidarietà che giustamente accompagna in Italia la sorte di Patrick Zaki, l’attivista egiziano incarcerato al Cairo. Non è una maglietta, Chico Forti. E neppure è una cover di Vanity Fair. Non piace alla gente che piace perché è fuori dal catalogo delle idee correnti. Non si porta, insomma. E non si Usa.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares