X
<
>

Bettino Craxi

Condividi:
1 minuto per la lettura

Il socialismo se n’è morto in Italia con Bettino Craxi. Punto. Come il fascismo con Benito Mussolini. Punto e virgola. A 23 anni dalla scomparsa di Craxi l’ultimo dei socialisti può essere raccontato come leader di un partito senza testamento e senza eredi. La storia del socialismo accompagna il Novecento italiano e il Garofano di Craxi è la modernità di un istante di una nazione riscopertasi ghibellina. Senza i due partiti guelfi – la Dc e il Pci – e per riavvolgere il nastro di una memoria eretica, da sempre presente ma  immancabilmente conculcata. Come poi – regolarmente  – accadde. Col sigillo impresso ad Hammamet. Con l’esilio. Punto, due punti. Punto e virgola.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

EDICOLA DIGITALE