X
<
>

Sit-in di sindaci del Sud in Piazza Plebiscito a Napoli

Tempo di lettura 2 Minuti

BIAGIO MAIMONE

I Sindaci del Recovery Sud protestano affinché il Governo destini al Mezzogiorno più risorse rispetto a quelle già stabilite.

Per alcuni di essi quelli da stanziare sono solo briciole e a poco servono per rilanciare l’economia del Meridione d’Italia e, soprattutto, per dar vita a quel processo di trasformazione che, da anni, i cittadini del Sud attendono.

La mia paura è che, come quasi spesso accade, i soldi finiscano nelle mani sbagliate, esattamente come sta accadendo per il reddito di cittadinanza che, molto spesso, è finito, nientemeno, nelle tasche di qualche mafioso.

Desidero precisare che sono un meridionale ed anche meridionalista, il quale, però, nutre poca fiducia nell’operato dei politici che amministrano i territori del Sud Italia. C’è da chiedersi perché i soldi stanziati per il Mezzogiorno, quasi sempre, non sono arrivati alla destinazione prefissata.

Il popolo meridionale, quello abbandonato, umiliato, povero, perché i soldi a lui destinati non arrivano a causa di qualche “Cumpari Turiddu”, in questa nuova circostanza epocale, tesa al suo benessere, deve scendere in piazza e rivendicare il proprio diritto di essere il reale destinatario dei soldi del Recovery Fund.

Il Recovery Fund è un’ importante ed unica occasione per i giovani che vogliono fare impresa nel Sud Italia e creare occupazione e ricchezza.

Pertanto, non possiamo permettere che qualche furbetto faccia tabula rasa dei soldi che esso prevede, come è sempre accaduto.

Bisogna creare un Movimento di cittadini che controlli l’operato dei politici nazionali e locali affinché si evitino sprechi e furti.

La Questione Meridionale – lo ripetiamo ancora – si risolve solo se i cittadini saranno artefici, in prima persona, del processo di cambiamento democratico.

Furbetti, malavitosi e politici collusi troveranno, questa volta, il muro eretto dal popolo, che non sarà più sottomesso ai poteri economici del Nord e, ancor più, al potere delle mafie del Sud.

La forte coscienza civile e legalista del popolo romperà i robusti argini del malaffare. Popolo del Sud ora tocca a te. Il potere, questa volta, è nelle tue mani esclusive e, pertanto, fatti valere!

È la prima volta che ti viene concessa la possibilità di riscrivere la tua storia in termini di benessere e sviluppo rigoglioso. Si apre davvero un nuovo scenario per i cittadini del Sud Italia perché lo vuole e lo ratifica, con vigore, l’Europa.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares