X
<
>

Il luogo dell'incidente

Tempo di lettura < 1 minuto

Due volontari dell’Enpa sono morti in un incidente nel tratto nord dell’A14, all’altezza del comune pesarese di Gradara. Elisabetta Barbieri, 62 anni di Rho, notissima attivista dell’ente nazionale protezione animali, e l’autista del furgone, Federico Tonin, 47 anni Cuggiono (Milano), sono le vittime.

Con loro c’era un terzo volontario, che in un primo momento era stato dato tra le vittime dopo il trasferimento in ospedale; l’uomo invece secondo fonti sanitarie invece è ricoverato al ‘Bufalini’ di Cesena con una prognosi di 30 giorni.

Lo schianto è avvenuto intorno alle 5.30: due automezzi pesanti si sono tamponati in autostrada. Un mezzo è finito di traverso sulla corsia, colpito in pieno dal furgone che seguiva i due mezzi pesanti a poca distanza. I volontari stavano trasportando dalla Puglia 50 cani e 10 gatti destinati all’adozione. 

I volontari e le Guardie Zoofile dell’Enpa di Pesaro hanno raggiunto il posto per aiutare a mettere in sicurezza gli animali. Tanti i volontari di tutte le associazioni animaliste accorsi immediatamente.

Sul posto sono intervenuti i volontari e le Guardie Zoofile dell’Enpa di Pesaro in supporto alla Asl. Gli animali sono tutti in salvo, tranne un cucciolo di pastore tedesco che purtroppo è morto, probabilmente sul colpo. I gatti sono ripartiti alla volta di Bologna, mentre un camionista spagnolo si è offerto di portare i cani in direzione di Milano. L’uomo non ha voluto alcun compenso. 

Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa ha ricordato “l’impegno di Elisabetta Barbieri e il suo staff” che “è sempre stato sincero, costante, mettendo al primo posto il benessere degli animali”.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA