X
<
>

Condividi:

ROMA  – Si registra un calo di nuovi contagi rispetto ai giorni precedenti nell’ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute.

Secondo i dati riportati, infatti, i nuovi casi positivi accertati nelle ultime 24 ore sono 22.930 (ieri erano stati 28.337), per un totale di 1.431.795 da inizio emergenza.

I morti, nelle ultime 24 ore, sono stati 630, per un totale di 50.453 vittime da inizio emergenza.

I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono 148.945, circa 40mila meno della giornata precedente, per un totale da inizio epidemia di 20.537.521.

CORONAVIRUS, LA MAPPA DEL CONTAGIO IN ITALIA

Attualmente i positivi in Italia sono 796.849, per la prima volta dal due agosto scorso i casi attivi diminuiscono invece di aumentare.

I casi attivi sono al solito ripartiti tra isolamenti domiciliari, ricoveri in reparto e ricoveri in terapia intensiva. In particolare 758.342 sono in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 34.697 (+418 rispetto a ieri), mentre 3.810 sono in terapia intensiva (+9).

La regione con il maggior numero di nuovi casi è la Lombardia con 5.289, seguita da Veneto (2.540), Emilia-Romagna (2.347) e Lazio (2.341). Le Regioni con minore incremento di contagi sono Basilicata (58), Valle d’Aosta (77) e Molise (91).

Riguardo il vaccino, il commissario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, ha chiarito che l’Italia ha sinora speso circa 94 milioni. È questa «la quota che l’Ue ha chiesto all’Italia per acquisire i vaccini che sono stati sinora predisposti».


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA