X
<
>

Silvio Brusaferro e Giovanni Rezza

Tempo di lettura 2 Minuti

ROMA – Sono 23.839 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 23.987 che conferma un dato sostanzialmente costante) a fronte di 357.154 tamponi effettuati su un totale di 48.820.663 da inizio emergenza. È quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute – Istituto Superiore di Sanità di oggi.

Nelle ultime 24 ore sono stati 380 i decessi (ieri 457), che portano il totale di vittime da inizio pandemia a 107.636. Con quelli di oggi diventano 3.512.453 i casi totali di Covid in Italia.

Attualmente i positivi sono 571.878 (+ 5.167 in più rispetto a ieri), 539.622 le persone in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 28.621 mentre sono 3.635 coloro i quali sono stati ricoverati in terapia intensiva.

I dimessi/guariti sono 2.832.939 con un incremento di 18.287 unità nelle ultime 24 ore.

La regione con il maggior numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore è la Lombardia (4.884), seguita dal Piemonte (2.636), Emilia-Romagna (2.269), Campania (2.209) e Puglia (2.008).

Clicca sull’immagine per ingrandire

Superate, intanto, le nove milioni di dosi di vaccino anti Covid somministrate in Italia. In base ai dati del sito del governo aggiornati a questa mattina, sono state somministrate 9.017.095 dosi, mentre sono 2.862.386 gli italiani che sono vaccinati anche con il richiamo.

Alle regioni sono state distribuite complessivamente 10.968.780 dosi: 7.668.180 di Pfizer Biontech, 826.600 di Moderna, 2.474.000 di Astrazeneca. Di queste quasi 11 milioni di dosi consegnate, ne sono state somministrate l’82,2% di media in Italia, con la provincia autonoma di Bolzano che è sopra il 90% (91%) e cinque regioni – Basilicata, Calabria, Liguria, Marche e Sardegna – che sono sotto l’80%.

Dalle tabelle del governo emerge inoltre che quasi tre milioni di dosi (2.948.102) sono state inoculate agli operatori sanitari e sociosanitari, 477.539 al personale non sanitario, 538.189 agli ospiti delle Rsa, 2.835.687 agli over 80, 219.691 alle forze armate e di polizia, 909.533 al personale scolastico e oltre un milione (1.088.354) ad altre categorie.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares