X
<
>

Condividi:

ROMA – Scende, in termini di numeri assoluti, il livello di nuovi contagi di coronavirus Covid 19 in Italia. Dai quasi 18 mila di ieri oggi, 9 dicembre 2021, si passa a 12.527, ma con un numero inferiore di tamponi processati, 312.828, che porta il tasso di positività al 4%.

I decessi registrati nelle ultime sono 79 (7 in meno rispetto a ieri) che portano il totale da inizio pandemia a 134.551.

I guariti sono 7.098 che portano il totale di coloro che hanno superato il coronavirus covid-19 da inizio emergenza a 4.775.676 persone.

In aumento di 5.339 unità gli attualmente positivi, un incremento che porta il numero totale dei casi attivi attualmente presenti in Italia a quota 254.553, di queste in isolamento domiciliare vi sono 247.409 persone.

Sul fronte ospedaliero si evidenzia l’incremento dei ricoveri nei reparti ordinari, con 6.333 degenti (+234 rispetto a ieri). In salita anche le terapie intensive il cui numero si fissa a 811 (venti in più rispetto a ieri con 69 nuovi ingressi.

Per quanto riguarda l’impatto del contagio sulle regioni il Veneto si conferma prima regione per contagi (1.928), a seguire l’Emilia-Romagna (1.656) e Lombardia (1.486), Lazio (1.376) e Piemonte (1.215) a chiudere il gruppo di regioni con oltre mille contagi.

A seguire ci sono Sicilia (789), Campania (776), Friuli Venezia Giulia (673) e Toscana (659) con oltre 600 contagi e infine il resto delle regioni con un numero di contagi da 300 in giù: Calabria (375), Provincia autonoma di Bolzano (331), Liguria (271), Puglia (229), Marche (195), Sardegna (181), Abruzzo (134), Provincia autonoma di Trento (119), Umbria (80), Valle d’Aosta (39), Molise (13) e Basilicata (2)


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA