X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

Cosa Prevede l’Avviso e come usufruire dei finanziamenti

La Regione Calabria ha pubblicato l’avviso rivolto ai Comuni ai fini dell’assegnazione di un contributo per la realizzazione di opere pubbliche o di pubblico interesse.

In particolare la legge regionale n. 24 del 1987, prevede la concessione di finanziamenti per la realizzazione di opere pubbliche o di pubblico interesse di competenze dei Comuni, delle Province e degli altri enti autorizzati alla contrazione di mutui con la Cassa depositi e prestiti o con altri istituti di credito di diritto pubblico.

I requisiti di ammissibilità

Il contributo può essere concesso esclusivamente agli enti locali che siano in regola con i versamenti relativi al servizio di somministrazione idropotabile e smaltimento rifiuti.

Non possono partecipare alla programmazione delle risorse finanziarie i Comuni in dissesto finanziario mentre sono ammessi alla programmazione gli enti locali che hanno fatto ricorso alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale nel rispetto dei criteri previsti dal testo unico degli enti locali.

Entità del contributo e priorità

Il tetto massimo concedibile di finanziamento è pari a 300 mila euro, erogabile attraverso una rata massima annuale per 15 anni calcolata secondo il tasso di interesse vigente alla data di concessione del finanziamento.

Per l’assegnazione del contributo si darà priorità alle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, con particolare riferimento a:

1) impianti cimiteriali, cioè gli ampliamenti e le costruzioni dei cimiteri, compresi le vie d’accesso, le zone di parcheggio, gli spazi e i viali destinati al traffico interno e le costruzioni accessorie;
2) opere necessarie a fronteggiare urgenze di carattere igienico-sanitario;
3) interventi volti a prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana;
4) completamento di opere pubbliche o di pubblico interesse;
5) interventi cui è stato attribuito un finanziamento regionale e oggetto di revoca per cause relative agli equilibri di bilancio o al patto di stabilità;
6) interventi di potenziamento e adeguamento di depuratori sottoposti a sequestro giudiziario o interventi atti a evitare questi rischi.

L’iter procedurale

Una volta acquisite tutte le domande di partecipazione e successivamente all’individuazione degli enti beneficiari e all’approvazione del piano dei finanziamenti, per accedere ai contributi è necessario che, inderogabilmente, entro 6 mesi, a far data dalla pubblicazione sul Burc del decreto di concessione dei finanziamenti, l’ente locale attuatore trasmetta la seguente documentazione:

a) provvedimento di approvazione del progetto esecutivo;
b) copia conforme della domanda di erogazione del mutuo (mutuo quindicinale a tasso fisso) presentata alla Cassa depositi e prestiti o a diversa azienda bancaria (in questo secondo caso con attestazione a firma del legale rappresentante dell’ente locale che i tassi di interesse applicati dall’istituto di credito sono migliorativi o uguali rispetto a quelli praticati nella stessa data dalla Cassa depositi e prestiti).

Per l’acquisizione della documentazione richiesta farà fede esclusivamente la data di ricezione della domanda tramite pec all’indirizzo [email protected] Trascorso questo termine, senza che il Comune abbia trasmesso tutti i documenti indicati, il finanziamento concesso decede automaticamente.

Gli obblighi dell’ente locale

L’ente locale per l’attuazione del progetto dovrà attenersi al quadro legislativo comunitario, nazionale e regionale vigente. In particolare nella scelta di eventuali tecnici esterni e dell’appaltatore dovrà osservare le direttive comunitarie in tema di appalti pubblici e relative norme di recepimento. I prezzi posti a base di gara dovranno essere calcolati con riferimento al prezzario regionale, le spese generali contenute entro il 15% dell’importo dei lavori a base d’asta e degli oneri accessori, mentre gli imprevisti entro il 5% maggiorati dell’Iva;

Presentazione delle istanze e scadenza

La richiesta di contributo deve essere presentata utilizzando il modello allegato all’avviso e inviata esclusivamente via pec all’indirizzo [email protected] entro il 21 gennaio 2021.

  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares