X
<
>

Tempo di lettura 3 Minuti

Cosa prevede l’avviso e come partecipare all’iniziativa

L’Inail ha pubblicato gli avvisi delle direzioni regionali finalizzati alla stipula di convenzioni per l’erogazione di prestazioni di riabilitazione multi-assiale. Nell’attuale situazione pandemica l’Istituto ha urgenza di individuare strutture, anche termali, operanti nei vari territori regionali e in possesso delle dotazioni professionali, tecniche, organizzative e strutturali, disposte a stipulare una convenzione avente a oggetto l’erogazione di varie prestazioni ai cittadini.

I presupposti dell’intervento

Il covid ha la capacità di interessare contestualmente diversi organi e apparati. L’apparato respiratorio è quello principalmente interessato da postumi gravi. I pazienti possono presentare con elevata frequenza anche linfopenia e alterazioni della coagulazione.

A tali manifestazioni cliniche possono associarsi sequele a carico degli altri organi e apparati con interessamento cardiovascolare, sindromi coronariche acute, cardiomiopatia, cuore polmonare acuto, aritmie e shock cardiogeno, nonché complicanze trombotiche. Possono poi emergere segni di danno renale, segni di danno epatobiliare e sintomi gastrointestinali nonché complicanze neurologiche quali, cefalea, vertigini, mialgia o affaticamento, anoressia, anosmia e ageusia.

Le forme più gravi possono anche presentare come sintomatologia di esordio ictus acuto e confusione o alterazione della coscienza. Queste caratteristiche patogene e l’interessamento multiorgano rendono perciò necessario in fase post-critica un approccio alla riabilitazione di tipo multi-assiale in grado di prendere in carico il singolo caso con specifiche esigenze terapeutiche e richieste funzionali afferenti ai diversi apparati compromessi.

Le prestazioni da garantire

Le prestazioni prioritarie che devono essere garantite sono le seguenti:
a) riabilitazione respiratoria basata sull’esercizio terapeutico finalizzato al training della muscolatura respiratoria e accessoria, su tecniche di clearance bronchiale e igiene delle vie aeree e sulla gestione dell’ossigenoterapia;
b) riabilitazione cardiologica basata sull’esercizio di tipo aerobico, mediante utilizzo di ergometri a frequenza e intensità diverse;
c) riabilitazione motoria basata su esercizi di miglioramento della forza muscolare e miglioramento dell’endurance e della performance motoria globale e sul graduale recupero delle attività di vita quotidiana, anche mediante idrochinesiterapia assistita;
d) riabilitazione neuropsicologica con tecniche cognitivo-comportamentali tese a migliorare le funzioni superiori;
e) valutazione, supporto e integrazione nutrizionale.

I requisiti professionali richiesti

Le strutture interessate devono garantire la presenza di medici specialisti in medicina fisica e riabilitativa, in pneumologia, cardiologia, neurologia e psichiatria. Inoltre la struttura dovrà assicurare la presenza di infermieri e fisioterapisti, psicologi, nutrizionisti, terapisti occupazionali e logopedisti e dovrà essere dotata di palestra e locali rispondenti ai requisiti previsti dalla normativa regionale.

Le indennità corrisposte

L’Inail, verificata la regolarità dell’erogazione delle prestazioni, corrisponderà alle strutture convenzionate le seguenti tariffe uniche onnicomprensive:
a) 250 euro per ogni giorno di ricovero ordinario e 200 euro per ogni giornata di day hospital fino a 40 giorni;
b) 150 euro per ogni giorno di ricovero ordinario e 120 euro per ogni giornata di day hospital oltre 40 giorni.
Per le prestazioni ambulatoriali sarà corrisposto quanto previsto dal tariffari del Servizio sanitario per ciascuna di esse. Tutte le tariffe sono incrementate del 30% nel caso in cui le prestazioni riabilitative vengano erogate attraverso l’utilizzo di specifici dispositivi ad alta tecnologia.

Presentazione delle istanze e scadenza

La manifestazione di interesse deve essere redatta secondo lo schema allegato agli avvisi e va trasmessa per le strutture che operano nella Regione Basilicata all’indirizzo pec [email protected] entro il 29 aprile 2021; per quelle della Regione Calabria all’indirizzo pec [email protected] entro il 23 aprile 2021; e per le strutture della Regione Campania all’indirizzo pec [email protected] entro il 22 aprile 2021.


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA