X
<
>

Il primo gol di Diogo Jota

Tempo di lettura 2 Minuti

BERGAMO – L’Atalanta cola a picco in Champions League. Al Gewiss Stadium, uno dei migliori Liverpool di questo scorcio di stagione spazza via gli uomini di Gasperini con un sonoro 5-0 e resta a punteggio pieno, staccando i nerazzurri e l’Ajax appaiati a quota 4 nel girone D. Nonostante la caratura dell’avversario e il pronostico a sfavore, la Dea ha provato a non snaturare la propria filosofia di gioco di fronte ai campioni di Inghilterra con i ritmi frenetici sin dai primi minuti.

Diogo Jota, dopo appena 2′, semina il panico tra le maglie della difesa nerazzurra ma Sportiello chiude bene sul rasoterra incrociato. Lo show del portoghese, tuttavia, è solamente rimandato: al 16′ il centravanti de Reds sfugge alla marcatura di Palomino sull’illuminante lancio di Alexander-Arnold e insacca con vellutato tocco sotto. L’Atalanta prova a reagire con Muriel, Alisson quasi la combina grossa ma il Liverpool non alza il piede dall’acceleratore. E al 33′ Diogo Jota concede il bis: stop orientato sul lancio di Gomez, rapidissima esecuzione sul primo palo che sorprende Hateboer e Sportiello per il 2-0.

Neppure l’intervallo schiarisce le idee ai ragazzi di Gasperini, sommersi invece da tre gol nei primi nove minuti della ripresa. Salah al 47′ guida una micidiale ripartenza dal corner nerazzurro, poi serve al 49′ Manè per il 4-0 e il senegalese pesca al 54′ Diogo Jota per la tripletta personale che gli permette di portare il pallone a casa. L’Atalanta non è neppure fortunata, Zapata centra l’incrocio dei pali con un destro a giro e la Dea resta a secco di gol segnati per la prima volta dopo nove match ufficiali consecutivi.

Una dura lezione da digerire al più presto per resettare la mente in vista dello scontro in campionato con l’Inter e provare a rendere più complicata la vita al Liverpool nel ritorno in programma ad Anfield del prossimo 25 novembre.

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA