X
<
>

Johann Zarco

Tempo di lettura 2 Minuti

CHEMNITZ (GERMANIA) – Johann Zarco conquista la pole position nel GP di Germania con un brivido nel finale. Il francese della Ducati firma il giro più veloce in 1’20″236 e poi cade nel tentativo successivo, pur senza gravi conseguenze.

Fabio Quartararo non riesce a conquistare la sesta pole consecutiva, beffato per 11 millesimi. Grande prova di Aleix Espargaro, che porta l’Aprilia in prima fila ed è davanti a Jack Miller, che vanifica l’ultimo tentativo con qualche sbavatura nell’ultimo settore.

«Sono felicissimo per la pole position. E’ una pista molto difficile, abbiamo lavorato bene con il team e fatto progressi importanti – ha dichiarato Zarco – Sul passo gara è più complicato, perché quando la gomma cala faccio più fatica, ma partire primo sarà un buon vantaggio. Alla fine ho provato a fare ancora un grande giro, ma penso di essermi piegato troppo e alla curva 5 sono caduto».

«Questo weekend non mi sto sentendo proprio bene, anche per il time attack – ha spiegato Quartararo – È stato un giro veramente bello, ma sono stato anche molto in difficoltà. Facciamo fatica sul giro secco in questa pista: la gomma si scalda tanto e la nostra moto stenta rispetto alle altre, soprattutto nel secondo e nel quarto settore. Il nostro obiettivo però è stare in prima fila e ci siamo».

Quinto tempo per Marc Marquez (Honda), decimo Pecco Bagnaia (Ducati). Rammarico per Franco Morbidelli che nel Q1 cade nel mezzo del suo ultimo tentativo in curva 13. Indietro Valentino Rossi: il “Dottore” scatterà dalla sedicesima casella, male Maverick Vinales solamente 21esimo.

In collaborazione con Italpress


La qualità dell'informazione è un bene assoluto, che richiede impegno, dedizione, sacrificio. 
Il Quotidiano del Sud è il prodotto di questo tipo di lavoro corale che ci assorbe ogni giorno con il massimo di passione e di competenza possibili.
Abbiamo un bene prezioso che difendiamo ogni giorno e che ogni giorno voi potete verificare. Questo bene prezioso si chiama libertà. 
Abbiamo una bandiera che non intendiamo ammainare. Questa bandiera è quella di un Mezzogiorno mai supino che reclama i diritti calpestati ma conosce e adempie ai suoi doveri.  
Contiamo su di voi per preservare questa voce libera che vuole essere la bandiera del Mezzogiorno. Che è la bandiera dell’Italia riunita.
ABBONATI AL QUOTIDIANO DEL SUD CLICCANDO QUI.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA