X
<
>

Le fascette con i nomi dei quattro gemellini

Condividi:

I medici l’avevano messa in guardia dai rischi che avrebbe potuto correre nel proseguire la gravidanza, ma lei, una 29enne di Bitonto, ha deciso di andare avanti comunque, e pochi giorni fa ha festeggiato la nascita dei suoi quattro gemelli. I piccoli sono nati il 5 ottobre al Policlinico di Bari, pesano poco più di 1 chilo e 300 grammi e stanno bene, anche se per il momento restano sotto osservazione in ospedale e dovranno aspettare qualche altro giorno prima di poter andare a casa insieme ai genitori.

Loro, mamma Rosanna e papà Luigi, entrambi 29enni ed entrambi di Bitonto, sono un’esplosione di gioia: «Nonostante tutti i rischi che ci erano stati illustrati dai medici ho deciso comunque di portare avanti la gravidanza – ha raccontato la donna – anche grazie al prezioso apporto del dottor Luca Maria Schonauer, che mi ha seguita in questo percorso. I bambini stanno bene, adesso sono in incubatrice, ma non sono intubati e sono certa che presto potremo tornare tutti a casa».

I nomi dei neonati erano già decisi da tempo: si chiamano Swami Pia, Syria, Ethan e Oronzo Loris. Resteranno ancora per un po’ sotto le cure dei medici del reparto di neonatologia del Policlinico, finché non avranno raggiunto un peso ottimale e le loro condizioni di salute non si saranno completamente stabilizzate. Mamma e papà non vedono l’ora di averli a casa, ben consapevoli di quanto sarà impegnativo seguirli nella crescita ma, tuttavia, per nulla spaventati.

«Io e mio marito Luigi siamo pronti, lo siamo stati da subito, già nove mesi fa – assicura Rosanna – D’altronde non siamo soli, insieme a noi, a darci tutto il loro sostegno, ci sono i nonni e gli zii. Siamo certi che ce la faremo, il nostro amore e quello di chi ci circonda saranno fondamentali per superare ogni difficoltà».

Quello dei quattro gemellini di Bitonto è un parto che ha il sapore del record per la provincia di Bari; in Puglia l’ultimo parto plurigemellare c’era stato, nello scorso gennaio, a Foggia.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA