X
<
>

Un momento della partita

Tempo di lettura 5 Minuti

BARI 4
TURRIS 2

BARI (4-3-1-2): Frattali 6; Pucino 6.5 (44′ st Belli sv), Di Cesare 6, Terranova 7, Mazzotta 6; Scavone 7 (31′ st Mallamo sv), Maita 6.5, D’Errico 7; Botta 7.5 (39′ st Gigliotti sv); Cheddira 7.5 (44′ st Paponi sv), Simeri 5 (1′ st Marras 7). In panchina: Polverino, Plitko, Celiento, Antenucci, Citro, Lollo, Ricci. Allenatore: Mignani 7.

TURRIS (3-4-3): Perina 5; Manzi 5.5, Di Nunzio 4.5, Esempio 5; Loreto 5.5, Franco 6 (31′ st Sartore sv), Tascone 6, Varutti 6.5; Giannone 7 (21′ st Lorenzini 6), Santaniello 5.5 (10′ st Bordo 6), Leonetti 6.5 (31′ st Longo sv). In panchina: Abagnale, Colantuono, Giofre, Zanoni, Palmucci, Iglio, Pavone, Finardi. Allenatore: Salvatore 5.5 (Caneo, squalificato).

ARBITRO: Collu di Cagliari 6 (Voytyuk e Regattieri, quarto ufficiale Longo).

RETI: 8′ pt Giannone (T), 21′ pt Cheddira (B), 36′ pt Leonetti (T), 1′ st D’Errico (B), 12′ st Scavone (B), 38′ st Terranova (B).

NOTE: serata piovosa, terreno in buone condizioni, spettatori 5.873, di cui 141 ospiti. Espulso al 19′ st Di Nunzio per avere interrotto una chiara occasione da rete. Ammoniti: Gigliotti. Angoli: 6-2. Recupero: 0; 5′.


BARI – Mignani non vuole parlare di fuga? E noi lo chiamiamo allungo. Ma cambiando l’ordine dei fattori, il risultato non cambia.
E il risultato, quello di 4-2 che ha sancito la vittoria del Bari sulla Turris, porta al +6 sul Catanzaro, che adesso è la più immediata inseguitrice del Bari, con sei, appunto, lunghezze di distacco.

Il tutto in una domenica pomeriggio, bagnata, anzi inondata, dalla pioggia, che però fortunatamente non ha sottratto spettacolo alla sfida. Anzi, proprio di spettacolo si è trattato, con una gara a viso aperto che ha visto i corallini ospiti andare per due volte in vantaggio, ma essere sempre rimontati dal Bari.
Anzi nella ripresa il Bari oltre a rimontare, dopo appena 14 secondi dall’inizio del secondo tempo, ha avuto la forza di sorpassare e allungare, complice anche il cartellino rosso a Di Nunzio.

Così il primato è consolidato. I biancorossi raccolgono 20 punti in otto gare, nessuna sconfitta all’attivo in campionato, terza affermazione di fila.
Le scelte. Terza esclusione di fila dall’undici iniziale per Antenucci. In attacco ci sono Simeri e Cheddira. Pucino e Mazziotta sono i due terzini scelti da Mignani, mentre Di Cesare stringe i denti ed è regolarmente in campo. Il Bari si schiera con la divisa blu, che già ha portato bene a Messina.

La gara. La Turris sblocca l’incontro all’8′: Varutti da sinistra passa il pallone verso il centro, velo di Leonetti e palla a Giannone che dal limite dell’area calcia di sinistro e centra l’incrocio, senza lasciare scampo a Frattali. Prova a replicare il Bari al 12′ con un calcio di punizione dal limite battuto da Pucino, su cui i biancorossi invocano il calcio di rigore per fallo di mano, ma il direttore di gara Collu non ravvisa irregolarità e concede corner.

Sugli sviluppi dell’angolo, pericoloso Di Cesare con un colpo di testa che sorvola di poco la traversa.
Il pareggio del Bari però si concretizza al 20′: Maita pesca Cheddira in area con un lancio preciso, l’italo-marocchino addomestica la sfera in un fazzoletto, si gira e fredda Perina per l’1-1.

Al 34′ pericolosi gli ospiti, ancora una volta con Giannone che prova un sinistro di controbalzo dal limite dell’area, pallone alto di poco. La Turris al 37′ torna in vantaggio, con un’azione simile a quella del primo vantaggio: Varutti arriva sul fondo e mette in mezzo la sfera che arriva all’ex Leonetti, tocco di prima col piattone destro e palla all’angolino per l’1-2. Non esulta il classe ’94, cresciuto Quasi immediata l’occasione per il pareggio barese al 38′ con un colpo di testa di Cheddira su cross di Mazzotta che si perde sul fondo. Le squadre rientrano negli spogliatoi con i corallini in vantaggio di una rete.

Secondo tempo. Subito un cambio durante l’intervallo per il Bari: dentro Marras, fuori Simeri. Immediato il pareggio del Bari: splendida azione corale dei biancorossi, con Marras che cede la sfera a Botta, suggerimento che attraversa tutta l’area e trova D’Errico che di controbalzo riesce a tenere basso il pallone e a realizzare il 2-2. Rischia addirittura di portarsi in vantaggio la formazione di casa: traversa di Cheddira al 47′ con un colpo di testa su cross di Marras.

Ancora vicinissima al 3-2 la formazione biancorossa con un sinistro a giro di Marras fuori di un soffio. Che impatto del numero 30! La terza rete dei biancorossi arriva al 57′: Marras da sinistra pesca Botta all’interno dell’area di rigore, l’argentino prende la mira e calcia colpendo la traversa, nel prosieguo dell’azione la sfera arriva a Cheddira che prova ad entrare in area ma viene atterrato, sul pallone si avventa Scavone che batte a rete e segna il 3-2 con un tiro di sinistro. Seconda rete consecutiva per il centrocampista, terza in stagione.

Trascorsa da poco l’ora di gioco, la Turris rimane in inferiorità numerica: Di Nunzio stende Cheddira lanciato a rete pochi metri fuori dall’area di rigore e l’arbitro gli mostra il rosso diretto. Della battuta del calcio di punizione s’incarica Botta, il cui mancino riesce a scavalcare la barriera, provvidenziale l’intervento di Perina che si rifugia in corner.

Vicina alla rete del pareggio la Turris al 71′: Loreto entra in area e calcia, Frattali respinge e la palla arriva sui piedi di Tascone che calcia, provvidenziale il salvataggio di Terranova, poi la difesa biancorossa riesce ad allontanare. A un quarto d’ora dalla fine il Bari perde Scavone per infortunio, al suo posto Mallamo.

I biancorossi centrano anche la quarta rete del match all’83’: calcio di punizione dalla trequarti di Botta, spunta Terranova che di testa in tuffo batte Perina per il 4-2. Nel finale dentro anche Gigliotti per Botta, poi Belli e Paponi per Pucino e l’applauditissimo Cheddira.

Nel finale nervosismo dopo il triplice fischio per un colpo proibito a Gigliotti, la tensione si scioglie al pensiero che il Bari e primo in classifica, guarda tutti dall’altro al basso con un margine di due partite. Ora testa al Campobasso.
Verso Campobasso. Dopo la vittoria ottenuta contro la Turris, la terza di fila, il gruppo biancorosso tornerà ad allenarsi domani per cominciare a preparare la trasferta in casa del Campobasso in programma domenica, alle ore 14:30, sul terreno del ‘Nuovo Romagnoli’.

Quella di martedì, come le tutte le altre sedute di allenamento verranno svolte a porte chiuse in ottemperanza ai protocolli sanitari in vigore che non permettono assembramenti di nessun genere, né possibilità di autografi o selfie con il gruppo squadra.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA