X
<
>

Condividi:

In Commissione Lavoro e Formazione ieri, si sono registrati toni piuttosto accesi. All’ordine del giorno il reclutamento di trenta volontari di servizio civile (i candidati sono in tutto 246), in corso in questi giorni. La riunione però, non è servita a tranquillizzare l’opposizione che con Falvo, Gaudio e Nucci, si dice pronta anche a rivolgersi alla Procura della Repubblica. Per il momento hanno chiesto al presidente Franco Napoli, di riferimento al sindaco, gli esiti della riunione perchè Perugini blocchi immediatamente le selezioni.
< E' emerso che non esisterebbero criteri formali scritti per l'assegnazione dei punteggi - ha spiegato Falvo - il che, lascia supporre che la valutazione sia del tutto discrezionale. Se le cose stanno così, e il sindaco non sospende le selezioni, allora se ne assumerà la responsabilità, anche sotto il profilo personale >.

Alla seduta della Commissione, presieduta da Franco Napoli, hanno preso parte i dirigenti Maria Rosaria Mossuto e Luigi Bilotto, quest’ultimo membro, lo scorso anno, della commissione giudicatrice. Non ha preso parte ai lavori, nonostante l’invito della commissione, Annarita Pellicori, che è anche responsabile del servizio civile al comune di Cosenza. La Mossuto, tirata in ballo da Belmonte e Greco il giorno precedente rispetto alla redazione dei progetti per il servizio civile, e al fatto che Cosenza avesse ottenuto il finanziamento solo per uno, ha chiarito di non avere alcun ruolo rispetto al servizio civile, non è progettista nè si occupa del reclutamento. E le percentuali di “bocciatura” dei progetti, lamentate dai consiglieri non risponderebbero al vero. Per il 2007, il Comune di Cosenza, aveva presentato sei progetti: tre e non uno, quelli approvati e dichiarati idonei. Se dei tre, alla fine, solo uno è stato finanziato dalla Regione con i fondi messi a disposizione dall’ufficio nazionale per il servizio civile, la ragione va ricercata nella nuova normativa. Il decreto regionale n. 13628, emesso nel settembre 2007, un mese prima della presentazione dei progetti, ha imposto delle limitazioni al numero di volontari assegnati agli enti, così da aumentare il numero di territori da coprire con tali progetti. Cosenza, è stata inserita nella terza classee così, le spettano 30 volontari. Per saperne di più sulle procedure di selezione, bisognerebbe chiedere alla Pellicori.
Per nulla soddisfatto della vicenda, Gaudio avrebbe incassato un altro risultato; il giorno prima degli attacchi rivolti alla Mossuto, aveva letto una precisa motivazione: < la dirigente - aveva detto - non sarebbe nelle grazie dell'amministrazione >. In risposta a quanto dichiarato da Gaudio, interviene Gianluca Greco: < Non capisco come mai l'opposizione, scenda in difesa di un dirigente comunale e di un direttore artistico nominato dal sindaco. Nè il Rendano era oggetto di discussione in commissione, nè lo era il Morelli >.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA