X

Tempo di lettura 2 Minuti

RIONERO – Buona la “prima” per i piccoli protagonisti del laboratorio creativo, sperimentale e spontaneo per bambini curato dalle Associazioni Le Monadi e Arcadia andati in scena venerdì al Teatro La Piccola di Rionero con l’interessante spettacolo “Popol Wuj – le avventure di due giovani eroi”. Tutto esaurito, dunque, per lo spettacolo scritto e diretto dal piccolo Giuseppe Pio Grieco con la collaborazione di Christian Strazza e il supporto musicale di Nico Zandolino. Ma come è nato “Popol Wuj” e cosa narra?

«Per la sceneggiatura dello spettacolo – riferisce il piccolo Giuseppe Pio – mi sono ispirato al “Popol uuh”, il primo libro di fiabe della storia da un anonimo per provare a salvare la cultura “quiché” del Guatemala, che in quel periodo stava andando perduta. Lo spettacolo narra la storia di Xhunahpú e Ixbalanqué, due bambini convocati dai Signori di Xibalbá, le persone più perfide dell’epoca, perché venissero giustiziati come il loro padre Hun–Hunahpú. Da qui è partita l’avventura dei due bambini che han fatto di tutto per sfuggire alle ingiustizie dei Signori di Xibalbá”. Un lungo e meritato applauso partito dalla platea ha accompagnato la chiusura dello spettacolo ma, prima dei saluti finali, Giuseppe Pio ci ha tenuto a “ringraziare tutti gli attori e i ragazzi de Le Monadi e di Arcadia per aver fatto sì che si realizzasse questo mio sogno”. In occasione di “Popol Vuj”, sul palco del Teatro La Piccola di Rionero sono saliti per la prima volta i piccoli: Simone Pierro, Siria Ambra Tirico, Luigi Lapadula, Francesco Rasola, Alessia Grisso, Fatima Cammarota, Francesca Buccino, Vittoria Tizianel, Serena Urbino, Michele Martines e lo stesso Giuseppe Pio Grieco.

a. g.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares