X
<
>

L'ospedale dell'Annunziata di Cosenza dove l'uomo era ricoverato

Tempo di lettura < 1 minuto

BUONVICINO (COSENZA) – Si è spento nella notte il paziente di Buonvicino risultato positivo al Covid-19 all’inizio del mese di settembre. Già lo scorso 6 settembre la sindaca Angela Barbiero annunciava il “caso” definendo il paziente molto compromesso.

Infatti si era reso necessario il trasferimento all’Annunziata di Cosenza dove è rimasto nel reparto di rianimazione per tutto il tempo. L’uomo, ultrasettantenne, viene definito il “paziente zero” del focolaio che si è sviluppato fra Buonvicino e Diamante.

Un focolaio che è rimasto nei limiti anche grazie al lavoro certosino dei due sindaco Barbiero, di Buonvicino, e Magorno di Diamante. Attualmente, infatti, i casi nel centro collinare sono otto, compresi i familiari stretti della persona deceduta.

È la 99esima vittima in Calabria dall’inizio dell’emergenza coronavirus, l’ultimo decesso (LEGGI) era stato registrato lo scorso 5 settembre.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares