X
<
>

La protesta negli uffici Asp di Cosenza

Tempo di lettura < 1 minuto

COSENZA – Prosegue la protesta a Cosenza del comitato “Cittadini e cittadine calabresi per la sanità pubblica” che da settimane lottano per ottenere la riapertura dei 18 presidi territoriali e di assunzioni strutturali di personale sanitario a tempo indeterminato.

Gli attivisti hanno evidenziato che «dopo le pressioni di questi giorni e l’incalzante attenzione mediatica dovuta alla mobilitazione permanente nei locali dell’Asp di Cosenza, che dura ormai da 15 giorni, il commissario dell’ente, La Regina, ha finalmente deliberato l’assunzione di 100 nuovi operatori sanitari (LEGGI), di cui buona parte verranno impiegati nelle Usca, presidi fondamentali soprattutto in questo momento per il contenimento dei contagi».

«Affinché le nostre richieste si tramutino in fatti concreti – sostengono gli attivisti – è fondamentale che le mobilitazioni continuino in questa direzione. In questo contesto e nonostante i numeri ancora drammatici dei contagi in Calabria, da Roma continua il silenzio assordante del Ministero e dei parlamentari calabresi, proprio loro che oggi, in barba alla difesa degli interessi dei calabresi, hanno confermato la fiducia a Speranza. Ed è proprio ai parlamentari che oggi vogliamo rivolgerci: ora che avete scongiurato la sfiducia del Ministro, potete finalmente pretendere azioni concrete e soluzioni radicali da parte del Governo che avete scelto di sostenere? Su questo sarete giudicati dal popolo calabrese, perché in questa terra si continua a morire perché il diritto alla salute continua ad essere sistematicamente negato».

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA