X
<
>

Il nuovo campo scuola Coni visto dall'alto

Tempo di lettura 3 Minuti

COSENZA – Sono “sostanzialmente” chiusi i lavori di restyling del campo scuola di via degli Stadi, che hanno interessato nei mesi scorsi la pista d’atletica e aree circostanti. «Sostanzialmente», precisa il dirigente Giuseppe Bruno nella relazione trasmessa alla commissione Sport di Palazzo dei Bruzi, perché mancano al momento alcune forniture, pochi lavori di sistemazione della fascia che circonda la pista, piccole lavorazioni, la visita della Fidal per l’omologazione della pista e gli adempimenti di chiusura lavori.

L’opera, ad ogni modo, sarà restituita a Palazzo dei Bruzi a giorni: il dirigente ha avviato le attività necessarie per la consegna anticipata della struttura. “Anticipata” in senso tecnico, più che letterale, dal momento che i lavori – cantierizzati nell’ottobre del 2019 – dovevano terminare a inizio anno. Colpa del Covid, spiegano da Palazzo dei Bruzi, che ha rallentato il cantiere e le operazioni di verifica e omologazione.

«L’amministrazione avrebbe dovuto fare il possibile per accelerare e rispettare i tempi di consegna. Non solo sono stati creati disagi ai professionisti, ma il ritardo nei lavori ha precluso l’accesso agli altri spazi del campo scuola usati dai cittadini e dagli sportivi amatoriali» ha rimarcato la consigliera Bianca Rende in commissione.

La partita più delicata, ad ogni modo, si aprirà proprio dopo la chiusura del cantiere: una volta restituito alla città il campo scuola, come sarà gestito? «Fratelli d’Italia è contraria a ogni ipotesi di privatizzazione della struttura» ha chiarito il capogruppo Giuseppe d’Ippolito, che ha riportato in commissione le voci insistenti che vogliono la struttura affidata all’esterno. AIcuni consiglieri hanno chiesto al presidente della commissione Sport Gaetano Cairo di invitare alla prossima seduta l’assessore Carmine Vizza, per discuterne.

IL NODO DELLA GESTIONE

L’eventuale chiacchierato affidamento dovrebbe riguardare solo la pista d’atletica e le sue pertinenze (per intenderci, il prato centrale riservato alle varie specialità dell’atletica leggera), che potranno essere usate esclusivamente dai tesserati Fidal. Il pistino (in queste ore sono in corso i lavori di potatura degli alberi che avevano invaso quasi lo spazio per la corsa) resterà invece sempre accessibile ai runner amatoriali e ai cittadini.

A vigilare sugli accessi potrà anche essere il custode comunale, ma secondo alcuni ora che la pista d’atletica è diventata, post restyling, un “gioiellino tecnologico” cura e manutenzione richiederanno un’attenzione speciale.

L’assessore Vizza, raggiunto telefonicamente, smorza le polemiche e insiste sulla gestione comunale della struttura. «Voglio ricordare che quando mi sono insediato ho rescisso l’affidamento privato che era stato fatto dalla precedente amministrazione per il campo scuola – chiarisce al telefono l’assessore Carmine Vizza – È ferma volontà di questa Giunta mantenere la gestione pubblica, così da permettere a sportivi agonisti e amatori di poter effettuare attività sportiva gratuitamente in una struttura comunale. Da sportivo ritengo che l’accesso allo sport vada garantito a tutti, senza ostacoli di natura economica. Chiederò alla Fidal provinciale una fattiva collaborazione per rendere sempre più diffusa la pratica sportiva. Aggiungo poi che l’emergenza Covid in corso rafforza la richiesta di spazi aperti da frequentare. Saranno solo valutate e adottate norme per tutelare l’integrità della rinnovata pista d’atletica, sempre sotto il controllo pubblico».

LA NUOVA PISTA

I lavori hanno riguardato il rifacimento della pista d’atletica principale, che oggi sfoggia una nuovissima pavimentazione in “Rekortan” di un brillante blu oltremare, adatta, dicono gli esperti, ad assorbire gli urti e a garantire la massima accelerazione. È stato inoltre installato anche il sistema “SmarTracks” che consentirà, grazie a un sensore corporeo e a un’app, l’automisurazione delle prestazioni.

«La pista di Cosenza sarà la prima nel sud Italia che potrà usufruire di un servizio del genere» scriveva a gennaio sui social il sindaco Mario Occhiuto. Sono stati rifatti inoltre i seggiolini della tribuna, il “pistino” in resina per gli amatori e le strutture interne: sala stampa e spogliatoi. Con l’omologazione di Classe B la struttura potrà ospitare competizioni federali a carattere nazionale.

I lavori, realizzati dalla Polytan, sono costati 615mila euro, finanziati attraverso la partecipazione del Comune di Cosenza al bando “Sport Missione Comune 2018” dell’Istituto per il Credito Sportivo e dell’Anci, con mutuo a tasso zero.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA