Giuseppe Governale

Tempo di lettura 2 Minuti

«La ndrangheta ha replicato le strutture di base calabrese e impiantato strutture di coordinamento in Lombardia e in Liguria collegate alle case madri d’origine, un radicamento che continua, trapiantando nel cuore dell’opulento nord le succursali delle sue organizzazioni criminali. A gennaio l’operazione Geenna ha investito anche la Valle d’Aosta. Un radicamento, quello delle mafie al nord, che non ha risparmiato la Pubblica amministrazione».

LEGGI GLI ESITI DELLA CONCLUSIONE INDAGINI DELLA OPERAZIONE “CAMALEONTE” PARTITA DAL VENETO

Lo ha detto in audizione davanti all’Antimafia il direttore della Direzione investigativa antimafia, Giuseppe Governale. «La costante è che i professionisti cooperano in una area grigia operando, anche con funzionari infedeli della Pubblica amministrazione: la corruzione è l’anello di congiunzione».

«Siamo di fronte a modelli imprenditoriali variabili che adottano forme avanzate di strategie di infiltrazione: bisogna tenere alta l’attenzione». Per Governale, il profilo dei soggetti che cadono nelle maglie della criminalità è spesso quello di imprenditori in difficoltà che si mettono a servizio della criminalità mafiosa. «Al nord e al centro le mafie nazionali stanno cambiando pelle, insinuandosi nel mondo della finanza». Nel 2018 la Lombardia è al primo posto in questo senso, al terzo il Lazio, poi l’Emilia Romagna.

«Serve una presa di posizione contro una micro cultura mafiosa: la mancanza di allarme sociale al nord ha portato ad anestetizzare la coscienza collettiva nei confronti delle mafie. Il caso dell’Emilia è emblematico di questa sottovalutazione. Una serie di connotazioni non possono essere banalizzate o edulcorate». «Dai primi anni ’90 gli scioglimenti degli enti locali hanno passato i 500 comuni con 60 sciolti più volte, la gran parte in Calabria (170), poi Campania e Sicilia (120); 3 in Piemonte, uno in Liguria, uno in Lombardia, uno in Emilia Romagna.

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •