Il materiale sequestrato dai carabinieri forestali

Tempo di lettura < 1 minuto

I carabinieri lo hanno scoperto all’interno del Parco Nazionale della Sila

COSENZA – È stato sorpreso all’interno del Parco Nazionale della Sila dai Carabinieri Forestali mentre praticava attività venatoria. Per un cacciatore di Petilia Policastro, nel Crotonese, è subito scattata la denuncia per attività venatoria non consentita e introduzioni di armi all’interno dell’area protetta.

L’uomo è stato individuato in località “Menta” del Comune di Petilia Policastro dai militari della Stazione Carabinieri Parco di Cotronei, area questa ricadente in “zona 1” del Parco della Sila e nella quale è assolutamente vietato praticare tale attività. Prontamente bloccato si è proceduto al sequestro del fucile, un calibro 12 privo di riduttore, di una radio ricetrasmittente e del munizionamento in suo possesso.

Dal controllo è emerso anche che l’uomo era titolare di un porto d’armi da poco scaduto. Il cacciatore è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di caccia di frodo ed introduzioni di armi in area protetta e per porto abusivo d’armi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •