•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura < 1 minuto

REGGIO CALABRIA – L’ala militare del gruppo legato alla cosca Alvaro, al centro dell’operazione che ha portato all’arresto di 65 persone (LEGGI), disponeva di numerose armi, tra cui pistole e fucili, ma anche di un elevato potenziale offensivo,

Molte armi sono state sequestrate nel corso delle indagini, ma nelle intercettazioni è finito anche un bazooka, a cui gli indagati facevano riferimento durante i dialoghi intercettati dalla Polizia. La cosca aveva anche commissionato la fabbricazione di un ordigno esplosivo da parte di alcuni esponenti del clan Gallico di Palmi che intendevano utilizzarlo per distruggere o danneggiare gravemente l’abitazione storica della famiglia di ‘ndrangheta, confiscata e destinata ad ospitare la nuova sede del Commissariato di polizia.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA